4 04 2010

Annunci




Resoconto elezioni regionali a Bottanuco

1 04 2010

Ecco in allegato il file riguardante le elezioni regionali 2010 di Bottanuco.

ALLEGATO

Fonte: Lega Nord Bottanuco





Consiglio Comunale

30 03 2010

La seduta ordinaria del Consiglio Comunale di Bottanuco si è tenuta Lunedì 29 Marzo 2010 alle ore 21.00 presso la Sala Consiliare.

Durante la serata si sono trattati temi molto importanti per il nostro paese e per tutti i cittadini.

Nei giorni a seguire verrà pubblicato un articolo che spiegherà tutto ciò che è stato detto e deciso.





Elezioni Regione Lombardia a Bergamo

30 03 2010

ROBERTO FORMIGONI 57,6% (VOTI:1452)
FILIPPO PENATI 29,46% (VOTI:742)
SAVINO PEZZOTTA 7,46% (VOTI:188)
VITO CLAUDIO CRIMI 2,46% (VOTI:62)
VITTORIO AGNOLETTO 2,34% (VOTI:59)
GIANMARIO INVERNIZZI 0,64% (VOTI:16)

AVENTI DIRITTO: 4074 – VOTANTI: 2605 (63,9%) – BIANCHE: 20 (0,8%) – NULLE: 66 (2,5%) – CONTESTATE: 0 (0,0%)

Ecco in allegato il file in .pdf col resoconto della Provincia di Bergamo in queste Elezioni Regionali:

ALLEGATO





Elezioni Regionali

22 03 2010

Dieci liste e 68 aspiranti consiglieri regionali bergamaschi per sette aspiranti presidenti. Questo il quadro complessivo delle Regionali. Ma sulle consultazioni elettorali del 28 e del 29 marzo – dopo i “pasticci” elettorali registrati per la presentazione delle liste prima e per la loro ammissione poi – incombe pesantemente il rischio “astensionismo”.
Comunque saranno in cinque a sfidare l’uscente Roberto Formigoni a capo della coalizione di centrodestra: i già noti Filippo Penati (centrosinistra) e Savino Pezzotta (Udc), più Vittorio Agnoletto per la Federazione della Sinistra, Vito Crimi per il Movimento Beppe Grillo e Gianmario Invernizzi per Forza Nuova. Formigoni e Invernizzi erano già in corsa anche nel 2005, il secondo a capo però di Alternativa Sociale.
Nella Bergamasca la candidatura di Formigoni sarà supportata dai simboli del Pdl e della Lega, come in tutta la Lombardia, tranne a Milano dove c’è anche l’appoggio de La Destra.
Penati è sostenuto da una coalizione di centrosinistra che va dal Pd ai Pensionati, passando per il Partito Socialista Italiano, Italia dei Valori, Verdi (se verranno ammessi) e Sinistra ecologia e libertà con Vendola.
Pezzotta avrà dalla sua l’Udc, Agnoletto la Federazione della Sinistra, Crimi il Movimento Beppe Grillo.
Gianmario Invernizzi, Forza Nuova, non ha presentato liste provinciali a Bergamo ma è comunque in corsa per il Pirellone
Tra i nomi dei candidati, diversi sono gli uscenti: è il caso di Marcello Raimondi e Carlo Saffioti per il Pdl, di Daniele Belotti e Giosuè Frosio per la Lega, di Battista Bonfanti per l’Udc (nel 2005 in corsa con Uniti per l’Ulivo), Marcello Saponaro per il Pd (cinque anni fa con i Verdi) ed Elisabetta Fatuzzo per i Pensionati. Poi c’è chi ci riprova comunque dopo aver mancato lo sbarco al Pirellone: Maurizio Morgano (Federazione della sinistra), Giacinto Boldrini, Aquilino Gargantini e Pierina Forlani per i Pensionati.
Ma i candidati bergamaschi li troviamo anche nei listini bloccati su base regionale, composti da 16 nomi: è il caso di Marco Pagnoncelli e Pietro Macconi per il Pdl, rispettivamente sottosegretario e consigliere regionale uscenti in posizione numero 10 e 11. Per il Pd c’è l’ex sindaco Roberto Bruni (al 4° posto), per l’Udc Antonello Giua (numero 12), per la Federazione della sinistra Morgan Cortinovis in 14ª posizione. Nella lista regionale (al posto 5, 10 e 16) dei grillini ci sono Matteo Pandolfi, Rossella Lezzi e Roberto Tamagna, candidati anche in quella provinciale, mentre tra i 12 di Forza Nuova in corsa i bergamaschi sono 4: Antonio Giampà, Stefano Pagani, Manuel Belotti e Stefano Belotti, rispettivamente alla posizione 3, 10, 11 e 12.
Le urne si apriranno il 28 e 29 marzo. Sono oltre 7 milioni e 800 mila gli elettori in Lombardia e 800 mila quelli in provincia di Bergamo. I seggi da attribuire sono in tutto 80, 64 su base proporzionale, i rimanenti 16 sono nel listino. Ma attenzione, questo se la coalizione vincente non supera la soglia del 60 per cento dei consensi: diversamente entrano solo i primi 8 candidati.

Fonte: Eco di Bergamo





Serata informativa sull’amianto

22 03 2010

E’ il primo incontro sull’argomento, proposto dall’associazione Sotto il Monte Solare con il patrocinio del Comune si Sotto il Monte a cui successivamente seguiranno altri incontri nei comuni limitrofi.L’informazione avrà un’attenzione sopratutto all’utente privato; chi ha i pochi mq di amianto e non sa come rimuoverlo. Saranno prospettate soluzioni a “costo zero” utilizzando gli incentivi del Conto Energia e le detrazioni Irpef del 55%.

L’incontro si terrà Martedì 30 Marzo 2010 alle ore 20.45 presso la sala civica nella biblioteca comunale in piazza Giovanni Paolo II a Sotto il Monte Giovanni XXIII.

Allego il volantino dell’iniziativa:

VOLANTINO




Il mondo che si spegne

20 03 2010

La sera del 27 marzo, alle 20.30, i simboli del pianeta si spegneranno per un’ora e milioni di persone di ogni continente si uniranno nello stesso gesto per chiedere che il mondo si unisca per affrontare il problema del riscaldamento globale.

Più di 1600 città in oltre 110 nazioni del mondo (contro gli 88 Paesi dell’edizione precedente), e nuove iniziative e testimonianze si sommano di ora in ora a dimostrazione che esiste una volontà globale che vuole combattere i cambiamenti climatici.

Per la prima volta spegneranno le luci, tra gli altri, la remota isola del Madagascar, il Kossovo, il Nepal, l’Arabia Saudita, il Qatar, la Mongolia, la Cambogia, la Repubblica Ceca, la Giordania, il Paraguay, l’Ecuador e la Mauritania …
Un video messaggio del Nobel per la Pace Desmond Tutu accompagnerà quest’anno l’invito a partecipare a Earth Hour a dimostrazione che le questioni del clima riguardano non solo l’ambiente ma soprattutto la stabilità e la sicurezza di tutti i popoli della terra. Anche alcune first ladies hanno appoggiato Earth Hour: Helen Clark, premier della Nuova Zelanda, Pilar Nores de Garcia del Perù e la Principessa della Cambogia, Sita Norodom. Non mancano testimonial internazionali tra cui la modella Gisele Bundchen e il suo partner Tom Brady, campione di football americano nella NFL.

Anche alcune tra le più grandi aziende del mondo hanno colto questa opportunità per mostrare l’impegno di riduzione e di efficienza nei propri sistemi produttivi: tra questi HSBC, Nokia Siemens Networks, Price Waterhouse Coopers, Wallenius Wilhelmsen Logistics e la Wells Fargo.

In occasione dell’Ora della Terra, sono pronti a spegnersi, fa sapere il Wwf, la Cn Tower di Toronto, il Table Mountain a Cape Town, il Gran Palace di Bangkok e il secondo edificio più alto del pianeta, il Taipei 101. Negli Stati Uniti, si spegneranno il Golden Gate, l’Empire State Building, il Monte Rushmore e le luci di Las Vegas. Anche alcune delle maggiori metropoli del mondo saranno al buio per un’ora, sottolineando il proprio impegno per lo sviluppo sostenibile e incoraggiando i propri cittadini nell’adottare pratiche a basso impatto di C02.
A Londra, si attenueranno le luci del London Eye, la grande ruota panoramica che campeggia lungo il Tamigi, così come il grande pannello luminoso della Coca Cola a Piccadilly Circus. Hiroshima sarà la prima città giapponese che mostrerà il proprio impegno nella lotta ai cambiamenti climatici spegnendo le luci del Peace Memorial. Anche in Italia alcuni dei monumenti più importanti si spegneranno.

“L’Ora della Terra dimostra che l’umanità è determinata a ottenere un mondo che azzeri le emissioni di CO2, alla base del riscaldamento globale – ha detto Stefano Leoni, presidente del WWF Italia – Riunisce la voce di città, comunità, imprese e singoli individui in un’azione positiva contro i cambiamenti climatici e l’adesione record di quest’anno è il segno che il mondo chiede ancora con forza ai Governi un’azione concreta ed efficace per il clima.”