Elezioni Regionali

22 03 2010

Dieci liste e 68 aspiranti consiglieri regionali bergamaschi per sette aspiranti presidenti. Questo il quadro complessivo delle Regionali. Ma sulle consultazioni elettorali del 28 e del 29 marzo – dopo i “pasticci” elettorali registrati per la presentazione delle liste prima e per la loro ammissione poi – incombe pesantemente il rischio “astensionismo”.
Comunque saranno in cinque a sfidare l’uscente Roberto Formigoni a capo della coalizione di centrodestra: i già noti Filippo Penati (centrosinistra) e Savino Pezzotta (Udc), più Vittorio Agnoletto per la Federazione della Sinistra, Vito Crimi per il Movimento Beppe Grillo e Gianmario Invernizzi per Forza Nuova. Formigoni e Invernizzi erano già in corsa anche nel 2005, il secondo a capo però di Alternativa Sociale.
Nella Bergamasca la candidatura di Formigoni sarà supportata dai simboli del Pdl e della Lega, come in tutta la Lombardia, tranne a Milano dove c’è anche l’appoggio de La Destra.
Penati è sostenuto da una coalizione di centrosinistra che va dal Pd ai Pensionati, passando per il Partito Socialista Italiano, Italia dei Valori, Verdi (se verranno ammessi) e Sinistra ecologia e libertà con Vendola.
Pezzotta avrà dalla sua l’Udc, Agnoletto la Federazione della Sinistra, Crimi il Movimento Beppe Grillo.
Gianmario Invernizzi, Forza Nuova, non ha presentato liste provinciali a Bergamo ma è comunque in corsa per il Pirellone
Tra i nomi dei candidati, diversi sono gli uscenti: è il caso di Marcello Raimondi e Carlo Saffioti per il Pdl, di Daniele Belotti e Giosuè Frosio per la Lega, di Battista Bonfanti per l’Udc (nel 2005 in corsa con Uniti per l’Ulivo), Marcello Saponaro per il Pd (cinque anni fa con i Verdi) ed Elisabetta Fatuzzo per i Pensionati. Poi c’è chi ci riprova comunque dopo aver mancato lo sbarco al Pirellone: Maurizio Morgano (Federazione della sinistra), Giacinto Boldrini, Aquilino Gargantini e Pierina Forlani per i Pensionati.
Ma i candidati bergamaschi li troviamo anche nei listini bloccati su base regionale, composti da 16 nomi: è il caso di Marco Pagnoncelli e Pietro Macconi per il Pdl, rispettivamente sottosegretario e consigliere regionale uscenti in posizione numero 10 e 11. Per il Pd c’è l’ex sindaco Roberto Bruni (al 4° posto), per l’Udc Antonello Giua (numero 12), per la Federazione della sinistra Morgan Cortinovis in 14ª posizione. Nella lista regionale (al posto 5, 10 e 16) dei grillini ci sono Matteo Pandolfi, Rossella Lezzi e Roberto Tamagna, candidati anche in quella provinciale, mentre tra i 12 di Forza Nuova in corsa i bergamaschi sono 4: Antonio Giampà, Stefano Pagani, Manuel Belotti e Stefano Belotti, rispettivamente alla posizione 3, 10, 11 e 12.
Le urne si apriranno il 28 e 29 marzo. Sono oltre 7 milioni e 800 mila gli elettori in Lombardia e 800 mila quelli in provincia di Bergamo. I seggi da attribuire sono in tutto 80, 64 su base proporzionale, i rimanenti 16 sono nel listino. Ma attenzione, questo se la coalizione vincente non supera la soglia del 60 per cento dei consensi: diversamente entrano solo i primi 8 candidati.

Fonte: Eco di Bergamo

Annunci

Azioni

Information

9 responses

26 03 2010
S. Silvio

andrò a votare il martedi e poi farò un decreto interpretativo per rendere valido il mio voto… buffoni…

28 03 2010
angelo

chi ha idee, chiare,troppo casino

28 03 2010
grillo

ore 19 ….. strano questo calo del -9% sarà la crisi ….

http://regionali.interno.it/votanti/votanti100328/Rvotanti012.htm

28 03 2010
S. Silvio

mi chiedo come mai la delegazione leghista debba sempre stazionare davanti ai seggi in occasione delle votazioni… forse per influenzare il voto delle vacchiette? ma no dai… a quello ci pensano già i preti e cardinali

29 03 2010
grillo

ore 22 ………. – 13% ke botta

29 03 2010
S. Silvio

nessuno mi sa dire qualcosa sulle vedette leghiste?

30 03 2010
Anonimo

sono i rappresentanti di lista, e possono stare li..se guardi bene ci sono anche di altri partiti…io ho visto pdl… possono stare nel seggio loro assegnato e partecipare agli spogli..di solito le schede contestate sono tra loro., maggiorparte delle volte presidente-vice segretario e scrutatori sono concordi, loro cercano di portarsi a casa un voto in più e creano scompiglio nel seggio! se non sbaglio non potrebbero aver segni distintivi del loro partito o qualcosa del genere però la spilletta e nel caso lega il fazzoletto verde c’è sempre! di più non so

30 03 2010
S. Silvio

appunto… i leghisti mi hanno rotto… per la loro ignoranza

30 03 2010
Bottanucoinforma

x anonimo i rappresentanti di lista sono nei seggi per garantire che tutto si svolga nel rispetto delle regole e della legge non per creare scompiglio, inoltre possono portare segni idendificativi per essere riconosciuti sia nel seggio che fuori dalle forze dell’ordine e dai cittadini che ne avessere bisogno per chiarimenti o reclami. Anchessi rappresentano dei pubblici ufficiali con potere di richiedere alcuni controlli o verifiche oltre ad attestare e verificare il regolare svogimento delle votanioni nei seggi e la correttezza di un assegnazione del voto o annullamento
Spero di esserti stato di aiuto per conoscere meglio le figure istituzioneli presenti nei seggi.. ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: