A Bottanuco si saluta? Sì grazie!

22 10 2008

di Silvia
Salutare è una delle cose più belle del mondo!! Fin da bambina sono stata abituata a donare in maniera indistinta a giovani, anziani, amici, conoscenti e a volte anche sconosciuti questa parola tanto semplice ma tanto ricca: “Ciao!”, “Buongiorno!”, “Buonasera!”, “Salve!”. Un semplice saluto basta a dare ad un incontro, magari casuale, una carica positiva, un segnale di attenzione e di apertura verso l’altro. Negli ultimi tempi però mi capita sempre più frequentemente di incontrare gente che non saluta, o non ricambia il mio saluto o addirittura non alza nemmeno lo sguardo. Di fronte a una tale mancanza di educazione e civile convivenza mi trovo spesso a dare le più disparate giustificazioni, forse perchè non voglio credere che dietro al mancato saluto si celino, in realtà, un disagio o un malessere ben più profondi. Quasi per caso, mentre ero in vacanza, mio marito mi chiama e mi dice: “questo devi assolutamente leggerlo!!!”. Quasi a conferma dei miei sospetti leggo un interessante articolo di Massimo Centini, pubblicato da l’Eco di Bergamo, che potete leggere cliccando qui. Condivido molto di quanto scritto tranne la connotazione negativa data al “Salve”. Secondo me, se detto con convinzione, può essere un saluto neutro ma non per questo freddo, adatto a quei momenti in cui non è mattina, non è sera e non si ha la confidenza per dire “Ciao”: il “Salve!” insomma fa il suo bel servizio. Credo infine che il saluto sia una cosa da insegnare, come si insegna a leggere e scrivere; bisognerebbe insegnare ai bambini, fin da piccolissimi, a salutare! E non è certo solo una questione di educazione e buone maniere! Sappiamo bene che la migliore scuola per i piccoli non sta tanto nelle parole, quanto nel buon esempio, ossia nel vederlo fare. Quindi buon saluto a tutti!!!

Annunci

Azioni

Information

31 responses

22 10 2008
Anonimo

CIAO DON GIUSEPPE !!!!!

22 10 2008
Anonimo

confermo, è una cosa di cui mi lamento spesso. Ho anche pensato ad un misterioso virus che ha causato una improvvisa amnesia generale, e per questo tanti compagni delle medie quando mi vedono non mi riconoscono piu’!!

22 10 2008
Augusto

ma si può sapere che cavolo c’entra “W don giuseppe”??? ma zio cane ma ce la fate ad essere coerenti con l’argomento?

è stato un grande uomo, una grave perdita per il paese, ma ci ha lasciato una grande eredità a livello umano… ma basta!

22 10 2008
Pippo Baudo

Don Giuseppe era una delle uniche persone del paese che salutavo quando lo incontravo per strada.

In generale il problema Silvia è molto più grave. Nel nord Italia c’è una spersonalizzazione della vita totale. Siamo diventati macchine da ufficio, usciamo di casa per lavorare e torniamo a casa la sera distrutti con la sola voglia di andarcene sul divano a guardare l’Isola dei Famosi o porcate di questo genere.

Il calore della gente del sud è proprio in questo. Ovunque tu vada ti fanno sentire a casa, ti salutano, scambiano una battuta, magari sembrano anche dei rompiscatole per chi come noi è sempre chiuso in se stesso, ma in realtà sono semplicemente più gentili, hanno più voglia di vivere. (ora mi aspetto il discorso razzista di un leghista che dice che bhè, tanto questi non lavorano…).

Ci siamo ridotti a macchine, e ci siamo dimenticati di vivere.

Il saluto è qualcosa che non si dovrebbe negare mai a nessuno.

22 10 2008
drugo

questa cosa e’ curiosa, uno degli aspetti che piu’ mi colpirono di bottanuco quando venni qui’ 5 anni fa, era che la gente non salutava.
Dopo 5 anni l’unica persona delle case vicine che mi saluta e’ un’anziana signora,
e tra i condomini quelli piu’ disponibili al saluto sono i dirimpettai marocchini, gli altri se va bene mezzo saluto sulle scale, e neanche sempre.
E io che pensavo di essere un malmostoso, ma qui’ mi battono tutti, quantomeno quelli che abitano nella zona dove abitavo io.
Sabato scorso ho fatto il trasloco (si, me ne sono andato, e senza NESSUN rammarico)
e appena arrivati nella palazzina tutti quelli che abbiamo incontrato ci hanno salutato con un ciao. E non mi sono trasferito in sicilia, ma a pochi chilometri da qui’.
Perche’ ?
Non lo so e non mi interessa piu’.
Certamente e’ vero che siamo una societa’ di alienati e impauriti, ma Bottanuco lo e’ di piu’, forse sarebbe il caso di domandarsi il perche’. Forse perche’ e’ un paese senza nessuna vita sociale oltre all’oratorio, basta uscire la sera per fare una passeggiata per rendersene conto, non incontri mai nessuno, e’ un paese di zombie.

22 10 2008
pierfranco

È un paese freddo sì, tante persone ( sopratutto ) giovani non ti guardano negli occhi, nemmeno quando ti parlano. In alcuni è un fattore di timidezza, in altri di importanza, sta di fatto che questo ha condizionato tanti soggetti ad un comportamento simile. Come dice Pippo, le persone del Sud Italia sono + amichevoli e lavorano meno, quì il discorso è lungo…
Nella vita esistono molte cose, tra cui ” lavorare, divertirsi, non fare niente e amare “. Il lavoro è la cosa + sporca che ci sia, l’abbiamo scelto noi del Nord e si fa di tutto per lui, il tempo per scambiare idee amichevoli o per salutare sta sempre in fondo, stivato in un angoletto del nostro io, probabilmente non ricordiamo nemmeno di averlo data l’abitudine. Comunque i ” Saluti ” sono gratis, potremmo almeno cercare di inserirli nelle nostre abitudini. Pensiamo + alla vita e meno al lavoro, la voglia di salutare verrà da sè !

22 10 2008
Anonimo

CIAO DON GIUSEPPE E…………….ARRIVEDERCI !!!!!!!!!!!!!

22 10 2008
88

per forza i sudisti sono piu felici…non fanno niente da mattina a sera!! andate a lavorare barboni!!

22 10 2008
drugo

e te che cosa ci fai attaccato a internet a quest’ora ? vai a lavorare barbone

don giuseppe, torna !!!! in modo che finisca questo strazio, manco in uccelli di rovo c’era tanta passione verso un prete.

22 10 2008
Anonimo

CIAO … DON GIUSEPPE !!!

22 10 2008
Mauri

Drugo sei andato via da Bottanuco? Ci lasci sul più bello, ora che arriva il centro commerciale? Sono d’accordo con te su quanto la gente del nord, in specifico di Bergamo, e ancora più in specifico di Bottanuco, sia fredda, “chiusa”, ma all’occorrenza diventa pettegolona da far paura. A proposito di Don Giuseppe, qualcuno è andato a Osio a vedere? Ivan arriverà un video?

22 10 2008
Ivan

Sì, arriverà domani e chiuderà il “ciclo” dei video ecclesiastici 🙂

22 10 2008
A.C.

Oh finalmente! Era ora di chiudere il “ciclo dei video ecclesiastici”! Non se ne può più! Da sito di info-confronto di quello che succede in paese è diventato un sito di pettegolezzi e dove si fa a gara per chi riesce meglio a insultare l’altro!

Per quanto riguarda i saluti, volevo fare un piccolo appunto a quello che dice Pippo Baudo “Don Giuseppe era una delle uniche persone del paese che salutavo quando lo incontravo per strada” e poi più avanti dice “Il saluto è qualcosa che non si dovrebbe negare mai a nessuno”…mi sembra che ti contarddici un pochino…

Penso che se ognuno di noi facesse anche solo il minimo sforzo di guardare negli occhi le persone o di rilassare i muscoli facciali accennando un piccolo sorriso, sarebbe già un grande gesto e faremmo un bel passo nel volere cambiare qualcosa. Abituiamo i nostri figli a questo, anche nelle nostre famiglie: spesso capita che ci si parli mentre si sta guardando la tv o si sta facendo altro, quasi neanche ci si ascolta e ci si guarda in faccia…
I figli e giovani non sono altro che il frutto di quello che respirano sì nella società, ma prima di tutto nella propria casa, nella propria famiglia.

22 10 2008
Pippo Baudo

Non mi contraddico, l’unica persona che non conoscevo era Don Giuseppe (saltuari episodi di gioventù come tutti) ed è anche l’unica che ho sempre salutato. Le persone che conosco del paese non manco mai di salutarle. Quello che diceva Silvia è che ci sono persone che si conoscono che invece non si salutano nemmeno. Questo non sopporto.

22 10 2008
pierfranco

Mi è tornata in mente una cosa riguardo all’educazione ( sempre riferita al saluto ). Ci sono persone che considerano il grado e l’importanza altrui nella società, si comportano in questo modo: se li incontri da soli si sforzano di salutarti, anche se continuano a pensare che sei minore di loro, se invece li incontri e sono accompagnati da altri amici non ti vedono nemmeno. Questo è una realtà che credo + o – abbiano sperimentato tutti, c’è da dire che non è cosa educata ma da ” Cafone “. Io consiglio di non salutarli mai, a meno che siano loro per primi a porgere il saluto.

22 10 2008
pierfranco

I DON’T THINK IT’S RIGHT CRISTIAN !
Cristian, non è giusto che te ne sia andato così solo perchè sei stato spesso vittima di contraddizione, lo sai che devi sempre combattere, è normale. Torna sù, fallo per me ciaoooooooo 🙂

22 10 2008
ANONIME

bello questo articolo…ma cosa c’entra con Bottanuco???

…Una volta questo era il sito che dava notizie del paese….

….CIAO DON GIUSEPPE….

22 10 2008
Alonso

Silvia, magari chi non ti ha salutato non aveva gli occhiali e non ti ha riconosciuto, per questo non ti ha salutato, ci avevi mai pensato?
E, in secondo luogo, di solito il saluto di avviene tra due persone, e se l’altro non saluta è perchè probabilmente nemmeno noi abbiamo salutato. Ma perchè deve essere sempre colpa dell’altro? E se provassimo noi stessi a salutare per primi?

22 10 2008
pierfranco

TU NON TI PREOCCUPARE DI QUELLO CHE SCRIVO IO, SONO AFFARI MIEI E NON SCRIVO PER FARTELI LEGGERE A TE ! L’HO SCRITTO QUÌ PER ATTIRARE L’ATTENZIONE DI CRISTIAN E NON TUA. NON COMMENTARE + I MIEI POST E STAI SULLA TUA AREA ECCLESIASTICA.

22 10 2008
Gianpi

A mio avviso il “Salve” è una forma di saluto, come dire; vaga, mette l’altro in condizioni di disagio, se ad esempio il salve ti è rivolto da un giovane e tu sei più “attempato”, credo ti spiazzi, sui due piedi puoi rispondere con un’altro salve ma non sei abituato a questo saluto e allora passi ad un Ciao ! ma il ciao non sempre è indicato, se ad esempio il giovane è una giovane il ciao può sembrare un “approccio” e qui potrebbero sorgere malintesi, al giorno d’oggi poi…., rimane il Buongiorno o Buonasera, ma andiamo sul formale anche se lo ritengo il più classico dei saluti.
Comunque sia il saluto è una forma di convivenza fondamentale in una società CIVILE e non è vero che il buongiorno si vede dal mattino, lo si vede quando chi saluta viene contracambiato specialmente nelle piccole comunità come lo può essere un paese tipo Bottanuco.

22 10 2008
piuma

io uso spesso il SALVE e lo trovo un saluto molto bello, letteralmente deriva dal latino ed è l’imperativo presente alla seconda persona singolare che significa ” STA’ BENE”

22 10 2008
piuma

in una società dove la vita è sempre più faticosa, non posso augurare niente di meglio che avere buona salute.
perciò a tutti voi : ” SALVE!”

23 10 2008
io odio le regole

GOOD MORNING ALL PEOPLE AND GOODBYE TO BEST DON GIUSEPPE BOSIO !!!!

23 10 2008
Anonimo

Scusate… ma voi in quale paese vivete? Io sono nato a Bottanuco e ho un buon rapporto con tutte le persone che incontro quotidianamente (per intenderci, nessuno mi ha mai negato il saluto…).

Non si può certo pretendere che in un paese di 5000 abitanti si sia amici di tutti però, ripeto, è mia abitudine salutare le persone e fino ad ora a Bottanuco NESSUNO mi ha mai negato il saluto di risposta.

23 10 2008
MRS POPPINS

a Bottanuco mi sono trasferita 12 anni fa da Milano, penso che la mancanza del saluto sia derivata da un massiccio arrivo di “milanesi” che possono morire nella loro abitazione senza che i dirimpettai sappiano il nome del deceduto. Per parte mia, non nego a nessuno un saluto e neanche quattro parole per rallegrare la giornata.

24 10 2008
Cristian Magni

Ciao a tutti!!!
Pierfranco, come va? Questo paese è fatto così, lotti contro mulini a vento. Quindi tanto vale lasciar perdere. Convinto dell’intelligenza tua e di molte persone qui ho deciso di ridurre il mio apporto di “parole al vento” . Adesso me ne andrò a Roma qualche giorno con il coro e domenica (qualcuno lo ha già anticipato vedo…) suonerò nella basilica di san Giovanni in Laterano a Roma. Sono mooolto emozionato, quindi speriamo bene. Per il resto l’attività musicale procede spedita!!!

Per quanto riguarda il discorso del saluto, beh si, qui è un po’ tutto un mortorio, poca sensibilità e bigottismo dilagante fanno il resto. Per quanto mi riguarda cerco di salutare chi conosco, almeno!!!

24 10 2008
pierfranco

Ciao Cristian, ben tornato 🙂
Scrivo poco anch’io ormai, la voglia di farlo perde colpi ogni giorno. Ti auguro un buon concerto e una buona permanenza a Roma, dai il successo l’hai già in pugno 🙂
Comunque ogni tanto scrivi perchè quì è sempre buio…ciao 🙂

24 10 2008
pierfranco

Ivan per cortesia puoi togliere il commento di Anonimo che ha ripetuto quello che ho scritto con un aggiunta per prendermi per il ( … ) ? 1000 grazie !
——————————————————————
Anonimo, tu sei il Diavolo in persona, non parlare + di Don Giuseppe, Lui ti butterebbe addosso un litro di acqua santa.

26 10 2008
Anonimo

W DON GIUSEPPE !!!! ……………………..CIAO DON DON DON GIBI !!!!!!!!!!!

27 10 2008
Ivan

Anonimo, hai lasciato 45 commenti (li ho contati) in cui scrivi unicamente Grazie Don Giuseppe o in alternativa W Don Giuseppe. Possono bastare, che dici? 😀

27 10 2008
follow me

Ivan è naturale, lo fa esclusivamente per infastidire tutti. Io se fossi in te bloccherei l’Ip, tanto questo va avanti cmnq. Vedi tu.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: