Zanzare: si sperimenta al Parco Moretti?

14 07 2008

di Silvia e Ivan
L’Asl di Bergamo sta inviando un questionario ai Comuni della provincia, chiedendo quali attività sono state portate avanti contro la zanzara tigre. Bottanuco, al momento, ha scelto solo la pratica informativa, spiegando ai cittadini come prevenirne la diffusione (svuotare i sottovasi ecc.) con alcuni manifesti nelle bacheche e un vademecum sul loro sito. In questi giorni, però, si sta valutando di sperimentare la vera e propria disinfestazione, attuata da una ditta specializzata in questo settore. Si tratta di una sperimentazione perché riguarderà solo il parco Moretti, dove il Comune metterà alla prova l’efficacia del trattamento, per capire, in sostanza, se “ne vale la pena”. Altri Comuni sono invece già partiti con un piano di prevenzione, che dura da giugno a settembre, tra cui quello di Madone. Qui l’operazione è costata quasi 7.000 euro, e prevede il monitoraggio della diffusione delle zanzare (sono state poste 15 “ovitrappole” sul territorio) e soprattutto una serie di interventi nei pozzetti (tombini, fognature, acque di scolo, a Madone sono circa 1.000), punti cruciali per la crescita delle larve, sia nelle strade che nei luoghi pubblici come scuole, oratori e parchi. Nei pozzetti vengono inseriti prodotti larvicidi biologici (dei bacilli) o chimici a basso impatto ambientale, il tutto ripetuto 5 volte nella stagione, stroncando così la diffusione degli insetti. Mentre si decide sulle zanzare, a Bottanuco è già partita la guerra ai millepiedi (o meglio le «gatule», come si chiamano in bergamasco), che si riproducono sui pini. Il Comune ha già provveduto alla disinfestazione, trattando gli ultimi pini marittimi sulle strade e quelli vicini alla chiesina di San Giorgio (nella foto).

Annunci

Azioni

Information

26 responses

14 07 2008
BARBARA75

Il Comune di Bottanuco chi vuole prendere in giro disinfestando solo il Parco Moretti? Iniziative di questo tipo dovrebbero essere prese a livello sovracomunale per avere un minimo di successo, figuriamoci se basta il parco moretti per capire “se ne vale la pena”!!! E com’è che stabiliranno se ne vale la pena?? Contando le zanzare al parco Moretti? E’ veramente una cosa ridicola!
Complimenti al Comune di Madone, hanno avuto coraggio nell’investire quella somma, ma se il progetto è ben strutturato avrà sicuramente successo e i cittadini ne avranno un gran beneficio: anche questo migliora la qualità della vita!

14 07 2008
Pippo Baudo

Quest’anno mi hanno ciucciato almeno un paio di litri.

14 07 2008
Pierfranco

OVUNQUE TU SIA, TI PRENDERÒ!
Non si eliminano le zanzare in questo modo, resta il fatto che è solo un esperimento di 7000 €, niente di +. Chi fa questi lavori sono solamente persone improvvisate che si fanno pagare per quello che non sono. Una Troupe professionale adotta un altro sistema e cioè: non mettono nessun prodotto per ucciderle, inseriscono milioni di zanzare maschio, in questo modo la loro riproduzione cala vertiginosamente. Per finire, i sotto vasi non possono stare senza acqua altrimenti il fiore, la pianta o altro non crescerebbe, un gran numero di zanzare femmina depone le sue uova al fiume per cui resta ben poco da fare.
Scusate comune, ma per voi è così faticoso documentarvi su qualcosa ? Ci sono libri e Internet che parlano di zanzare e come sconfiggerle, se dovete spendere dei soldi, fatelo in un modo intelligente; a maggior ragione perchè quei soldi non sono vostri ma dei cittadini ! Non vereor ne non scribendo te expleam !

14 07 2008
Pierfranco

Dimenticavo…
Barbara se ti dovesse venire l’idea di candidarti nel comune di Bottanuco fammelo sapere, ti voto. ” Di una persona così mi fido al 100% “.

14 07 2008
andrea

francamente una spesa di 7000 euro per le zanzare mi sembra eccessiva, magari da noi costerà anche di più perchè siamo più grandi. spruzzatevi l’off alla sera e basta, non mi sembra ci sia un’invasione pazzesca.

14 07 2008
Assessore

Sono l’assessore che ha valutato e proposto al resto della Giunta Comunale il progetto di intervento sulle zanzare tigre a Madone. Mi permetto di fare qualche puntualizzazione a Pierfranco, anche se ritengo che il Blog non dovrebbe normalmente servire a repliche da parte degli amministratori, quand’anche di un Comune diverso da Bottanuco. Prendetele come contributo alla discussione…
Che il progetto in corso a Madone sia un esperimento, non lo mette in dubbio nessuno : vedremo i risultati (per ora sono incoraggianti) a fine stagione. E’ un tipo di progetto già provato in altri comuni, il cui buon esito è proporzionale all’impegno degli operatori e, soprattutto, dei cittadini (compresi i proprietari o gestori delle aree artigianali e industriali), come andiamo ripetendo ad ogni occasione a Madone, fino alla noia.
Che le persone coinvolte nel progetto siano improvvisate e prive di professionalità, è un giudizio formulato da Pierfranco, in base a informazioni a me non note; da parte mia, faccio notare che l’insieme degli interventi proposti dal biologo responsabile dell’attività coincide nella quasi totalità con quanto espresso dai tecnici dell’ASL (vi è solo un disaccordo relativamente agli interventi di disinfestazione durante i mesi invernali, ritenuti a suo tempo inutili da parte di questo tecnico); inoltre anche un tecnico (funzionario della provincia di Brescia nel settore ambientale) che opera all’interno delle Guardie Ecologiche del PLIS del Brembo mi aveva a suo tempo confortato su questo tipo di progetto. Tra parentesi, il progetto ha previsto anche interventi di informazione/educazione all’interno delle scuole (fatti a maggio) e un costante contatto con l’ASL in relazione ai dati di monitoraggio.
Per tornare agli operatori, uno dei loro compiti è poi quello di percorrere il territorio del Comune (identificati da cartellini) ricercando possibili focolai di larve e dialogando con i cittadini in un approccio di consiglio e collaborazione che mi si dice (sempre giudizi soggettivi sono!) assai gradito dagli stessi cittadini.
Per quanto riguarda l’acqua nei sottovasi, non stiamo dicendo di eliminarla, ma di cambiarla (se permane) almeno ogni 4-5 giorni, per evitare che si completi il ciclo di riproduzione delle larve che dura intorno alla settimana.
La filosofia del tutto è quella di intervenire per limitare il numero delle larve, mitigando il problema alla radice, senza dover ricorrere ai cosiddetti interventi “adulticidi” (quelli sì dannosi e poco efficaci, finora a Madone non si sono resi necessari).
Tutto questo, è ovvio, può essere messo in discussione; le informazioni che ho preso a suo tempo e quelle che sto acquisendo in questi mesi mi rendono personalmente convinto che la cifra citata sia stata ben spesa in favore dei cittadini (che a Madone si erano molto lamentati del problema lo scorso anno).
Rimango naturalmente pronto a nuovi chiarimenti e ad ascoltare argomentazioni precise e “scientifiche” che mi facciano cambiare idea. Un’occasione diretta di scambio potrebbe essere poi l’assemblea pubblica che faremo appena dopo le ferie (seconda dopo quella fatta in proposito a inizio Giugno).
Cordiali Saluti, Bruno Ceresoli

14 07 2008
Mauri

Un applauso all’assessore di Madone, che ha dato una bella lezione al nostro comune “allergico” al dialogo con i cittadini. 7000 euro non sono pochi, ma 1) se serve a migliorare la qualità della vita non sono mai soldi buttati, 2) a Bottanuco ormai si trovano sponsor per qualsiasi cosa, quindi si potrebbe trovare anche per questo tipo di spesa. L’importante è che ci siano i risultati concreti, ma intervenendo su centinaia di tombini credo che qualche effetto ci sarà di sicuro.

14 07 2008
Pierfranco

Gentilissimo Bruno Ceresoli, ho il piacere di scriverle che sono molto contento che Lei legga i commenti del blog, ancora di + perchè ha facoltà di rispondere.
Io non so se quel sistema anti zanzare funziona, c’è qualcosa che non mi torna ma, funzionerebbe al 100% non lo nego, ma si tratta di una sola zona trattata. Devo ben capire cosa coprono queste 7000 €, se una sola zona o + zone.
Comunque il freddo è il maggior nemico degli insetti e potrei definirlo un ” problema effimero “. Io e Lei avremmo molte cose da dirci, purtroppo non faccio parte di nessuna giunta comunale e forse è meglio così, voglio però confessarle una cosa, io un giorno o l’altro sarò costretto mio malgrado ad andarmene definitivamente da questo paese e che ritengo sia la soluzione migliore per tutte le persone che nel cuore hanno l’immagine di vita, non del lavoro. Le zanzare non sono nulla a confronto di quello che sta accadendo nella nostra zona, io potrei definirla ” il cerchio della morte prematura “. Il nostro futuro, è identico a quello delle zanzare ! Le torna questa affermazione ? Lei e altri Suoi colleghi vestite cariche importanti, avete facoltà di decisioni, avete l’ultima parola sul si e sul no ma porca miseria mi dovete spiegare perchè continuate a dare permessi edili incessantemente, per quale motivo fate questo ? Per soldi, fama ? Ditemelo, perchè io divento matto ! Non sa che sta aumentano a dismisura ” delinquenza e inquinamento, ogni permesso che voi rilasciate, cresce il numero di delinquenti e di inquinamento, ci vado di mezzo io, ci va di mezzo Lei, i nostri figli, i Suoi figli. Per cortesia, non mi venite a dire che i lavori generano posti di lavoro e che le case generano tetti in + perchè è tutto falso, non c’è nessuno sulle strade che chiedono un tetto ! Mi sono alterato un pochino, non era diretto a Lei personalmente ma a tutti quelli che fanno parte della giunta comunale, il senso era soltanto di mettere in risalto che la vita non è importante solo per me ma anche per voi ed è urgente bloccare ogni forma geometrica che si alza mese per mese in un piccolo paese come il nostro. VIVA LA VITA, VIVA I CAMPI, VIVA I BOSCHI, VIVA L’OZIO, VIVA LA NATURA !

15 07 2008
andrea

pierfranco, guarda che loro con 7000 euro pagano tutta l’operazione, non solo una parte. al di là della cifra, resto dell’idea che a bottanuco non c’è un’emergenza zanzare.

15 07 2008
Pippo Baudo

Pierfranco, io ti voglio bene, ma i tuoi interventi sono per così dire, a volte leggermente prolissi? Ti prego cerca di essere più conciso e di arrivare al punto.

Grazie. Spero capirai che è solo per volontà di continuare a leggerti.

15 07 2008
manzonipi

“…mi dovete spiegare perché continuate a dare permessi edili incessantemente, per quale motivo fate questo ?” chiede Pierfranco. Una delle risposte più probabili e una delle motivazioni più realistiche è che così si incassano gli oneri di urbanizzazione prima e in un secondo tempo l’ICI. Con queste entrate qualsiasi amministratore può fare bella figura realizzando opere o facendo manutenzioni costanti delle strade e quant’altro. Con queste entrate l’amministratore può tenere basse le aliquote ICI e magari non applicare l’addizionale IRPEF comunale. Già ma così, dirai tu, ci si tira addosso tutto quello che ho citato io! Certo, ma prova a sondare il terreno, prova a chiedere ad un po’ di cittadini con quale metro di giudizio valutano un amministratore comunale. In quanti si chiedono cosa c’è dietro e in quanti pur pensandolo lo traducono poi in una scelta da biasimare. In quanti sulla bilancia ci mettono tutto? L’ambiente, la qualità della nostra vita non la svendiamo ogni giorno anche noi con questa rincorsa al comprare, al possedere spesso cose sopra le nostre necessità o i nostri bisogni? (serve un SUV grande come un camion per portare il bimbo a scuola?). Siete (siamo) ancora troppo pochi per orientare in altro modo queste politiche. Noi a Solza, nel nostro piccolo, ci proviamo lo stesso. Nel programma elettorale ci siamo presi l’impegno di non approvare ulteriori espansioni urbanistiche; nel nostro piccolo e spesso da soli e contro i mulini a vento ci battiamo per preservare quel poco di territorio che ci lasciano i cavatori e i loro sponsor. Certo ci vorrebbe un forte movimento di opinione trasversale e sovraccomunale, anche se ormai nell’Isola resta ben poco da preservare.

15 07 2008
Pierfranco

Ok Andrea grazie 🙂 , non capivo bene cosa coprisse quella cifra. Comunque quest’anno ne vedo poche di zanzare, piove sempre ! Pippo grazie anche a te, riconosco che a volte i miei commenti sembrano unpò romanzati, sarà uno sfogo e sarà che odio le persone che si definiscono ” grandi lavoratori “, sarà… Ho approfittato del fatto che un assessore mi abbia risposto. Certo il tema era la zanzara, io invece c’ho messo altro, il problema dell’aria. Ora io capisco che un assessore si interessi del problema insetti fastidiosi, lo stimo e anche se non lo conosco sento che è una persona in gamba, quello che mi fa veramente innervosire è il fatto che nessun assessore parla del problema inquinamento, di migliorare l’aria e di conservare i campi che ci sfamano, certo sarebbe meglio scanbiarsi idee face to face ma non si può ! Comunque non lo dico + perchè tanto non serve a nulla e sopratutto non interessa a nessuno, anzi forse è meglio che non scriva nemmeno + !

15 07 2008
andrea

pierfranco guarda che i tuoi commenti sono interessanti, solo che se fossero più brevi come dice pippo sarebbero più efficaci. non c’entra niente, ma a metà luglio non doveva esserci l’assemblea pubblica sulle cave? oggi è il 15.

16 07 2008
arsuffo

spero che l’esperimento al parco moretti sia gratuito, perchè lì è completamente inutile visto che ci vanno sì e no dieci persone e alle 7 di sera è già chiuso.

17 07 2008
Anonimo

SE E’ PUR VERO CHE DI SERA CI SONO LE ZANZARE E’ ANCHE VERO CHE CI SONO ANCHE ALTRI ANIMALI PRESENTI CHE DISTURBANO IN IN MODO O IN UN ALTRO QUELLE PERSONE CHE X LE ZANZARE NON SANNO NEANCHE DOVE SIANO E CHE MALE FACCIANO……… CA’ E GACTH X INTENDES!!!!!!!!!!!!!!!

……………BUOGIORNO A TUTTI DA MAX

17 07 2008
Anonimo

se volete un mio amico si offre a schiacciare tutte le zanzare manualmente x la metà del prezzo che in misura spropositata ha stanziato il comune
…..x contatti tel 02 77151 saluti

20 07 2008
gianpi

A Silvia & Ivan : le “gatule e/o millepiedi” che si riproducono sui pini si chiamano PROCESSIONARIA ed è ESTREMAMENTE tossica e a volte MORTALE se sbadatamente venisse ingerita da persone ed animali,la disinfestazione consiste nel danneggiare i vistosi nidi ben visibili sui pini nel periodo invernale. La Provincia di Trento,fornisce a dei cacciatori volontari cartucce con pallini di piccolo calibro proprio per eseguire questa disinfestazione mentre a Bottanuco ho visto alberi martoriati dalle motoseghe.

29 07 2008
sisko

non so voi, ma io sono invaso di zanzare trigre, dannazione!!

5 08 2008
POLLO 212

SAPETE CHE HO AVUTO 200 PUNTURE,

5 08 2008
POLLO 212

NON CI CREDETE??

5 08 2008
POLLO 212

PORCO CANE!!!!!!!!!!!!!!!!!!

16 08 2008
andrea

raid night&day 7 euro
2 ricariche raid night&day 10 euro
autan 7 euro
autan dopopuntura 7 euro
zampironi 6 euro
totale: 37 euro
ora presento la fattura al comune e chiedo il rimborso delle spese, visto che hanno voluto risparmiare sui 7000 euro della disinfestazione, e visto che vivere in un luogo salubre è un NOSTRO DIRITTO.
7000 euro diviso 2000 famiglie faceva meno di 4 euro a testa, invece così ci siamo fatti spennare con tutti i prodotti antizanzara, e siamo comunque invasi. tra l’altro, non è che se risparmiamo questi 7000 euro allora il comune ci ridà i 4 euro, no, noi li abbiamo già pagati, solamente li spendono in altri modi. potrebbero ABOLIRE spese inutili (ad esempio, le migliaia di euro che danno come PREMI EXTRA agli impiegati comunali) e fare cose utili alla cittadinanza come la disinfestazione.

17 08 2008
Anonimo

Ma se il Comune faceva la disinfestazione sarebbero crollate le vendite di prodotti antizanzara (Autan, Raid ecc.) nei supermercati. Conoscendo il rapporto tra il nostro Comune e certi supermercati direi che si capiscono molte cose.

19 08 2008
Mauri

Neanche nella giungla ci sono così tante zanzare. Una volta si vedevano solo di notte, ormai ci sono sciami anche in pieno giorno. Mi auguro che l’anno prossimo si prenda davvero in considerazione la disinfestazione.

19 08 2008
drugo

evidentemente pero’ dipende dalle zone, io non abito molto lontano dalla piazza
e non ne vedo molte, in casa pochissime (e non ho zanzariere).
Tra l’altro quest’anno ci sono pochissime mosche, mentre negli scorsi due anni d’estate ne avevo in casa molte di piu’, ma forse dipende dal fatto che non ha fatto molto caldo.
I telegiornali parlano di aumenti degli insetti un po’ ovunque, a me pare un po’ un’esagerazione, di certo ho notato una forte diminuzione dei pipistrelli, una volta di sera se ne vedevano molti di piu’, e i pipistrelli le zanzare se le magnano.
Comunque tutta la cementificazione/urbanizzazione in atto influisce negativamente togliendo spazi ad uccelli e pipistrelli che si nutrono di insetti.

21 08 2008
barbara75

Buongiorno a tutti,
sentire la zanzara come un problema dipende, secondo me, da quanto tempo si trascorre all’aperto: se una persona lavora 8 ore in ufficio climatizzato, torna la sera e si stende sul divano a leggere un libro, forse la zanzara lo “tocca” ben poco; ma se una persona esce di casa fin dal mattino, cura l’orto, prende un po’ di sole, gioca con il figlio con sabbia e acqua, cena sotto il gazebo e vuole anche uscire a prendersi un gelatino, forse la zanzara qui trova un “ambiente” più a portata di “puntura”……
il “sentire” diventa quindi molto relativo: non pensate?
Per Andrea: non riesco a capire: non eri tu a sostenere che le zanzare a Bottanuco non sono un’emergenza? Hai cambiato idea?
Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: