Ecco la pista ciclabile (in arrivo?)

16 06 2008

di Ivan
Più di un anno fa abbiamo parlato della pista ciclabile tra Bottanuco e Suisio, lungo tutta via Manzoni (quella che passa in mezzo ai campi). I lavori non sono mai cominciati, e a proposito del ritardo era sorto un «conflitto» tra i Comuni di Suisio e Bottanuco: il primo diceva che la colpa era di Bottanuco, perché il progetto non era pronto, il secondo replicava che il progetto era pronto da tempo, ma che Suisio non aveva ancora i soldi necessari. Alla luce degli ultimi avvenimenti la ragione pare stare dalla parte di Bottanuco. La scorsa settimana, infatti, Suisio ha approvato il progetto, ma non ha ancora dato la disponibilità economica per finanziare la propria parte. Così, giovedì 12 giugno, Bottanuco l’ha sollecitata attraverso una lettera scritta, spiegando che senza di quella non si può partire con la gara d’appalto (il nostro è il Comune «capofila», quindi si occupa in prima persona di tutto quanto). Poiché l’estate è tempo di variazioni di bilancio per molti Comuni, Suisio dovrebbe avere l’occasione per trovare la somma necessaria, quindi i lavori potrebbero cominciare in autunno. Il progetto ha un costo totale di 300.000 euro, 150.000 ciascuno per i due Comuni, e prevede una pista larga 2 metri e mezzo, ragion per cui verrà espropriata una striscia di terra ai campi confinanti. Tale pista sarà protetta con una staccionata di legno, e sarà completamente illuminata con una fila di lampioni a energia solare. I lampioni saranno «bifronti»: una lampada verso la strada e una più bassa sulla pista (nella foto vedete una ricostruzione «ufficiosa»). A Bottanuco, la pista ciclabile si congiungerà con via Silvio Pellico e sfocerà in via Cavour, evitando la curva pericolosa tra via Manzoni e via Trento.
Tempo fa abbiamo parlato anche della pista tra Bottanuco e Capriate: quella, però, verrà realizzata esclusivamente in caso di contributo della Regione Lombardia. Tale contributo, al momento, non c’è ancora.

Annunci

Azioni

Information

28 responses

16 06 2008
andrea

ma verso capriate che pista vogliono fare? in mezzo alla pedemontana?

16 06 2008
Pippo Baudo

Notizia positiva.

Mi rallegra quanto l’emendamento che prevede lo stop ai processi penali relativi a fatti commessi entro giugno 2002. Peccato avrei potuto uccidere Byron Moreno.

16 06 2008
Pierfranco

Mi piace la pista ciclabile, ma le biciclette dove sono ?

16 06 2008
Mauri

Mi risulta difficile credere che a Suisio si siano inventati tutto, altrimenti l’opposizione avrebbe il pretesto per chiedere le dimissioni del sindaco. In ogni caso della pista ciclabile mi interessa relativamente, visto che non vedo tutto questo entusiasmo nell’andare a Suisio in bicicletta, ma sono contento che quella strada verrà allargata e illuminata, perchè così com’è è un incubo, specialmente la sera e con il grano alto.

16 06 2008
Pippo Baudo

Forse è per quei motivi da te indicati che la gente non passa di lì in bici mauri?

16 06 2008
piuma

quanta energia sprecata, è veramente deprimente.Quante parole vuote o poco sensate, io vi leggo solo un grande senso di sconforto: un bisogno di speranza in un Paese ( P maiuscola, intendo Italia), che non ha più nulla da offrire.
E’ sempre più difficile incanalare questa rabbia in qualcosa di positivo per la società, la tendenza è al massacro, sia della classe politica che dei suoi cittadini.
Sarebbe sicuramente meglio che tanto zelo nel denigrare tutto e tutti si trasformasse in una voglia di lavorare per il bene comune( intendo della gente e non dell’amministrazione del paese: p minuscola).
auguri per un futuro miliore a voi che lo avete.

17 06 2008
PB

Quanti anni di scuola buttati nel cesso piuma!

L’itagliano!!!!

e poi sei riuscito/a a non farci capire gniente di chuello che volevi dhire.

17 06 2008
PIUMA

PB se hai notato l’errore ortografico,
(MIGLIORE) significa che hai letto con attenzione, molti altri errori di sintassi o ortografici, non hanno ricevuto nessuna segnalazione.
A volte capita, per stanchezza o per distrazione!
Confermo: tanta rabbia verso tutto e tutti. Ti sembra sensato cercare di insultarmi o di denigrarmi per così poco?
I casi sono due:o non hai niente di meglio da fare nella vita o sei incazzato con il mondo e cerchi piccole rivincite personali.

17 06 2008
Mauri

Sì Pippo, ma io tutta questa voglia di biciclettate a Suisio non ce la vedo. Ovvio che qualcuno in bicicletta ci passa, ma come ci passa in qualunque altra via del paese. Ci sono strade strette e mortali in diversi punti di Bottanuco, soprattutto in zona San Giorgio, Madonnina, Trento, quindi sono tutti sullo stesso piano di via Manzoni.

17 06 2008
Pippo Baudo

Mauri devi calcolare che c’è gente che vive a Bottanuco e lavora magari a Suisio o Capriate. (vorrei anche io andare al lavoro a piedi o in bici, anche se non il mio caso). Io credo sia una cosa molto utile, certo che 300 mila euro, 600 milioni, per 1 km di cemento e una ventina di pali luce, mi sembra l’ennesimo furto.

Piuma puoi spiegarti, onestamente manco io capisco cosa tu voglia dire.

17 06 2008
piuma

Quando leggo le notizie che riguardano i paesi dell’isola, accedo dal portale che li collega, non posso non notare come in questo blog di Bottanuco gli interventi siano dialetticamente agressivi, spesso in modo totalmente gratuito. Pochi argomentano, per la maggiore si limitano a commenti negativi e pregiudiziali.
L’impressione che io ho, è che non vi rendiate conto che spesso a leggere i post non siano solo persone pervase da livore.
Io cerco solo di trovare qualcuno che abbia voglia di fare, di costruire e confrontare le mie idee.
Il mio intervento non era pertinente all’argomento, ma alla modalità con cui si trattano questi temi in generale. (devo ammettere che il commento era troppo generico)

17 06 2008
Pierfranco

Piuma, ti spiace proporre qualche tua idea ? Tanto per capire qual’è il tuo interesse e se si può far qualcosa. Insomma se ne può discutere…

18 06 2008
manzonipi

Ho già avuto modo anch’io di esprimere un’opinione simile a quella di piuma, così come di dire che essendo un amministratore leggo interessato i diversi blog dell’Isola per capire meglio cosa pensano i cittadini. Vorrei che assieme si potesse discutere e confrontare su problemi e argomenti. Poi ognuno si forma le proprie opinioni. Certo che non possono essere di nessun aiuto le pregiudiziali, lo schierarsi contro a prescindere, magari partendo da presupposti errati (la cablatura fibra ottica attribuita al comune anzichè alla provincia ne è un esempio recente). Sarebbe un modo per far crescere un’opinione consapevole che troverebbe forse anche maggior ascolto presso le vostre (nostre) amministrazioni.

18 06 2008
Pierfranco

FATTI NON FOSTE A VIVER COME BRUTI, MA PER SEGUIR VIRTÙ E CANOSCENZA !
Uff, che fatica spiegare e rispiegare, un giorno o l’altro scoppierò. Dobbiamo avere una visuale tridimensionale delle cose, cioè fare uso di una tecnica che si chiama prospettiva per valutare la sua attività al 100%. Se la sua attività comporta scompensi per il nostro organismo, non va presa in considerazione, in sintesi se è nociva va emarginata. Questo è importante per me e per tutte le persone che hanno la fortuna di vivere. Cerchiamo di conoscere bene le cose, perchè la cultura offre sempre delle abilità !

18 06 2008
andrea

è vero che bisogna parlare quando si sanno le cose, però non esageriamo, altrimenti tutti i cittadini dovrebbero stare zitti e lavorare. per dire che il wifi è dannoso e a bottanuco non serve non bisogna essere ingegneri informatici

18 06 2008
Pierfranco

Sono gli ingegneri informatici che dicono che non è dannoso l’WiFI, semplicemente perchè l’hanno fatto loro stessi !

18 06 2008
piuma

io non ho esperienza in questo settore ma, se la tecnologia WIFI è dannosa per la salute non riguarda solo Bottanuco o Medolago, ma l’intera provincia di Bergamo.
Non dimentichiamo che il progetto prevede la copertura di tutta la provincia.
Ora, se è vero quello che dici Pierfranco credo che ogniuno di noi debba chiedere al Presidente Bettoni, grande sostenitore del progetto, di indire almeno qui nell’isola bergamasca un confronto con i cittadini ed eventuali esperti.
Se tutti i lettori inviano un mail( potresti preparane una tipo) e se siamo in molti, se facciamo girare tra i concittadini queste perplessità sul progetto: credo che avremo qualche risposta.
In oltre esistono organizzazioni riconosciute in modo ufficiale tipo :Lega ambiente o Agenda 21a cui chiedere appoggio e competenze.
Questo è quello che penso e questo è il metodo che ritengo opportuno, io le mie energie preferirei usarle per portare avanti le battaglie in cui credo.

18 06 2008
Pierfranco

L’idea mi piace Piuma, vorrei però un numero abbastanza alto che sia favorevole a questa idea, quì nel blog siamo in 20 si e no considerando che solo la metà è per il no all’WiFi. La cosa migliore ( secondo me ) è farlo fare al ” meet up Bergamo di Beppe Grillo “, almeno un buon numero potrebbe saltar fuori. Ma vedo nero…

19 06 2008
Ivan

Pierfranco, specificherei che siamo in 20 a commentare, ma la stragrande maggioranza degli utenti si limita a leggere e non commenta (un fenomeno diffusissimo in tutti i blog del mondo, si chiama lurkering). Lo dimostrano le statistiche di WordPress su questo sito, che ci danno 250 utenti diversi al giorno. Se ci fosse un progetto serio riusciremmo a mobilitare molta più gente. Pensa alla raccolta firme sull’Adsl a Bottanuco: l’unico vero mezzo promotore è stato questo blog (l’altro mezzo era il display fuori dal comune, che mette in rotazione 4/5 notizie diverse) e le firme raccolte sono state 344. Questo per dire che il megafono c’è, basta saperlo usare bene.

19 06 2008
manzonipi

Pierfranco, non è che ci voglia chissà che numero. Se indirizzate una lettera al presidente della Provincia e per conoscenza all’Eco di Bergamo, al “IlBergamo” e al nuovo giornale online “Bergamonews”, nella quale esprimete le vostre preoccupazioni e chiedendo un confronto in un’assemblea pubblica, anche foste solo in 4 o 5 a sottoscriverla, credo possiate avere forti probabilità di ottenere quanto richiesto.
Io auspico una cittadinanza attiva indipendentemente dagli orientamenti e dalle opinioni.

19 06 2008
Pierfranco

Avrei bisogno di qualche collaboratore, non solo per l’WiFi ma anche per altro.

19 06 2008
L.L.

Ivan, meno male che ci sei. Mi complimento con te per come in ogni tua precisazione tu sappia essere sempre così preciso e imparziale. Sei l’ orgoglio del nostro paese e a te vanno i meriti delle iniziative fino ad oggi riuscite meglio!

20 06 2008
Ivan

Ci leggo una buona dose d’ironia ma la apprezzo, visto che non penso di avere dei meriti.

20 06 2008
L.L.

Non essere così diffidente, i complimenti erano sentiti e sinceri

20 06 2008
lale

Bella la pista ciclabile…
io la metterei ovunque…
sarà che vado tutti i giorni in stazione a calusco in bici?!
Ne ho viste in molti paesi,
strette o larghe che siano…
io ero per costruirne una che collegasse capriate
a suisio passando per via alighieri e locatelli!
speriamo in fututo dato che per ora hanno optato
per marciapiedi e alberi!
ce ne vorrebbe una anche che porti al gigante,
anche se dicevano che c’è poco spazio e hanno fatto
aiuole…poi quando ci sarà l’attraversamento per il
nuovo gigante spero ci faranno un pensierino!

20 06 2008
Mauri

Ecco, sulla pista ciclabile in via papa Giovanni e Locatelli sarei stato felicissimo. Perchè sono le vie più trafficate di auto e sono anche quelle più usate dagli studenti e dalle signore in bicicletta. Se poi non si potevano fare, o meglio non si sono volute fare, è un altro discorso. Comunque tra quelle due e quella per Suisio sono infinitamente più utili le prime due.

20 06 2008
Pierfranco

A cycle ride
Perchè non organizzare una biciclettata come movimento di ” Aria Pulita ” ?
Direi che è anche salutare.

21 06 2008
Pierfranco

Nous sommes le fond de l’etang
Un pezzo di storia, alcune piante erano centenarie e hanno visto milioni di bambini giocarci, non riesco ad immaginare quanti nidi di uccelli ci fossero ancora fra i rami di quegl’alberi, nemmeno la seconda guerra mondiale è riuscita a distruggerlo. È bastata un idea del nuovo millennio milanese, una decisione, un accordo, un drink e un cin cin per decidere una nuova costruzione, una leccornia che farà invidia tutta italia. Quando l’ho saputo, ( Gennaio 2006 ) mi veniva da piangere, mi veniva voglia di spaccare tutto, di andare davanti al presidente della lombardia e della regione a sputargli in faccia, anche se non sono di milano. A milano nel 2005 c’erano molte strutture disabitate e in disuso già da molti anni, buie e tetre ma che si potevano restaurare. « No, il Bosco Di Gioia è perfetto, sopra nascerà una nuova potenza : la sede della regione lombardia. »
http://www.msacerdoti.it/bosco/
http://it.youtube.com/watch?v=Tgbbba73xPo
http://it.youtube.com/watch?v=peFo84G8yDs&feature=related

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: