E’ in arrivo un phone center?

31 01 2008

cabine.jpgdi Ivan
Il Comune ha approvato un regolamento che disciplina i «centri di telefonia in sede fissa». Si tratta dei phone center, i locali pubblici allestiti con diverse cabine telefoniche (come quello nella foto), in cui si può telefonare in tutto il mondo. Per l’apertura di tale centro il regolamento richiede alcuni requisiti: se le cabine sono 4 la sala d’attesa deve essere di 9 metri quadri; l’apertura deve essere tra le 7 e le 22, senza superare le 13 ore giornaliere, ma il Comune può concedere anche l’apertura alle 5 o la chiusura a mezzanotte; deve esserci un bagno per gli utenti e uno per il personale; non si possono vendere o somministrare bevande né alimenti; occorrono i classici certificati di agibilità e igienico-sanitari. In caso di violazione, la multa è compresa tra i 516 e i 3.098 euro. Ultimamente i phone center stanno conoscendo un vero boom, grazie all’aumento dell’immigrazione. In genere, infatti, sono proprio gli immigrati a utilizzarli (per chiamare nei loro stati d’origine) e quasi l’80% dei phone center è gestito da extracomunitari. Ovviamente non mancano le polemiche. A Capriate ne è stato aperto uno, e da allora molti abitanti della zona sono in rivolta, testimoni di risse e incidenti vari all’ingresso del locale. Qui, invece, trovate un articolo sui controlli anti-terrorismo compiuti nei phone center di Milano. Non resta che vedere se arriverà anche a Bottanuco, e se, nel caso, la sua fama sarà migliore.

SONDAGGIO

Sei favorevole all’apertura di un phone center a Bottanuco? No: 78% Sì: 22%


Questa è la mia ultima notizia per il sito. Non ho più la possibilità di seguirlo come vorrei, e quindi ho deciso di lasciarlo, passando la gestione ad altre persone. Non so ancora quale taglio assumerà, se si discosterà da quello che gli ho dato finora, ma non mi dispiace passare le chiavi a qualcun altro. Perché ormai il sito è avviato, ha un forte seguito (in due anni, 130.000 contatti, 5.000 commenti, picchi di 600 accessi giornalieri) e chiuderlo sarebbe stato un peccato. So che qualcuno starà togliendo lo spumante dal frigo, così aggiungo un’ultima cosa: lascio il sito, ma il giornalino cartaceo, che ha un impatto dieci volte superiore, potrebbe tornare.
Un saluto a tutti
Ivan
ps. grazie per aver dato conferma alla mia teoria: non è vero che i cittadini sono disinteressati (alibi pretestuoso di molti politicanti) ma basta fornirgli il mezzo giusto.

Annunci

Azioni

Information

17 responses

31 01 2008
Mauri

Ci manca solo il phone center, dopo altro che droga nelle siepi. Mi chiedo quale sia l’utilità per un cittadino italiano di un centro simile, visto che ormai anche i neonati girano con il cellulare.
Grazie Ivan per averci informato finora, ora sono curioso di vedere che ne sarà di questo sito. Spero non chiuda perchè sennò è la fine, però mi rendo conto che sia un impegno seguirlo.

31 01 2008
drugo

i phone center servono molto semplicemente a tutti quelli che fanno molte chiamate all’estero, visto che le tariffe sono vantaggiose rispetto a quelle degli operatori telefonici classici.

Quanto all’articolo citato, e’ del 2005, anno in cui usci’ il decreto pisanu, che non riguardava solo i call center, ma anche tutti i provider internet e gli internet point per la conservazione dei dati di accesso, e non i controlli anti-terrorismo, ed e’ cmq infarcito della solita logica xenofoba per cui vige sempre l’equazione extracomunitario=criminale

31 01 2008
capriatese

sono di capriate vi leggo spesso ma non commento quasi mai. volevo dire a drugo che se gli piacciono cos’ tanto i call center pò venire ad abitare a capriate, davanti a quello che abbiamo. è diventato un luogo di ritrovo per gli extracomunitari e ogni tanto si divertono ad accoltellarsi con i carabinieri che arrivano a qualsiasi ora della notte.

31 01 2008
Pippo Baudo

Un ringraziamento a Ivan per quanto fatto per tenerci informati negli ultimi anni. Buon lavoro e auguri per i tuoi progetti.

Non ci vedo niente di male nel phone center. Avremo pure una telecamera che avanza in paese no? E’ ridicolo vietarlo.

31 01 2008
Anonimo

pippo baudo, drugo, mauri e compagnia bella, dai tenete vivo il sito ed aggiornateci su quello che il comune nasconde di fatto nei prossimi anni..
salutoni dal capitano!

1 02 2008
drugo

caro capriatese, intanto io ho solo detto a cosa servono i phone-center,
d’altronde in una societa’ che gli extracomunitari si limita a sfruttarli e non fa nulla per integrarli non ci si puo’ aspettare niente di diverso, ma questo non ha nulla a che fare con i phone-center che sono attivita’ commerciali come altre (a parte il fatto che spesso sono gestite da extracomunitari, ommioddio, dopo le donne ci rubano pure il lavoro, ci stanno conquistando, avremo un presidente di confindustria nero, comandano loro!!!!!). Paura eh…..

1 02 2008
capriatese

vai tu a integrarli. ma soprattutto vai tu nei loro paesi e vedi se ti lasciano fare i porci comodi che loro fanno qui. sono loro che si devono adeguare a noi in casa nostra, non noi a loro.

1 02 2008
Anonimo

Per quanto ne so il regolamento è obbligatorio in seguito ad una Legge Regionale del 2006 quindi caro Ivan, a cui va la mia stima per impegno e voglia di fare informazione, ancora una volta nel tuo articolo hai omesso l’informazione essenziale ponendo l’argomento come si il Comune volesse far aprire un phone center
P.S. io sono assolutamente contrario all’apertura ma ci tengo ha migliorare l’informazione da te diffusa

1 02 2008
drugo

capriatese, io li integro perche’ almeno ci parlo, coi miei vicini di pianerottolo non ho alcun problema, ne con un sacco di altri immigrati, che tra l’altro non fanno i loro porci comodi ma
lavorano tutto il giorno, perlopiu’ sottopagati (ma questo vale anche per un sacco di italiani) e magari pure in nero senza garanzie (e questo vale soprattutto per gli stranieri), e tutto questo comunque ad opera di italianissimi dirigenti d’azienda.

Io non mi integro con gli stronzi, italiani o stranieri che siano, e rifiuto questa concezione di divisione della societa’ di
stampo razziale preferendo di gran lunga quella di stampo individuale.

E tra l’altro noi italiani i nostri porci comodi all’estero ce li facciamo eccome,
in america abbiamo esportato la mafia, in africa i rifiuti speciali,
abbiamo aperto villaggi turistici in tutto il mondo che
mettono in ginocchio le economie locali invece di aiutarle,
siamo uno dei principali esportatori di armi al mondo, comprese 9 milioni di mine antiuomo a quel caro alleato che era Saddam Hussein,
quindi forse e’ il caso che ci facciamo un esamino di coscienza prima di lamentarci degli altri, sai, la famosa storiella della pagliuzza e della trave….

1 02 2008
manzonipi

Credo sia la famigerata legge regionale del 2006 con la quale (aldilà delle considerazioni sugli immigrati) si imponevano requisiti oggettivamente esagerati per arrivare allo scopo di far chiudere buona parte dei phone-center.

2 02 2008
against-islam

nel caso arrivasse un phone center saremmo pronti con bottiglie di birra riempite di benzina…

2 02 2008
la vostra forsa l'è l'ignoransa

la vostara forsa l’è l’ignoransa ale ‘gnoransa ale ale
aleeeee
aleeee
ale ale ale

w i phone center

e poi capriate se scrivi sul sito del tuo comune non immigrare nei nostri siti..ahaahh

aleeeee aleeee ale ale aleeeeee
la vostra forsaaa l’è l’ignoransaaa
ale ignoransa ale aleeeeeee

e non ho altre parole per esprimersi…cmq la droga non c’entra un emerito bip con gli immigrati..provate ad uscire un po di casa e a guardarvi intorno!

5 02 2008
Anonimo

lega e basta!!!!! siamo stanchi di pagare le tasse x il sud italia!!!

7 02 2008
Pippo Baudo

Come se il problema fosse il sud Italia.

Vediamo se per caso ci sono più evasori al nord?

7 02 2008
No comment

ovvio che ci sono più evasori al nord. al sud cosa vuoi che evadano se passano le giornate a non fare un cazzo o a scioperare contro le discariche.

7 02 2008
Pippo Baudo

Che commento stupido da persona ignorante.

8 02 2008
drugo

Pippo, e’ solo invidia, invidia per chi sa godersi la vita un po piu’ di noi,
invidia per chi ha le palle per difendere il suo territorio,
e poi si sa che piu’ si scende verso l’equatore, e piu’ si allunga il pisello.
solo invidia, tremenda invidia, il verde padano e’ il colore della bile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: