Il Gigante ci paga anche i pannelli solari

25 11 2007

pannelli-solari-fotovoltaici.jpgOltre all’ospizio, gli oneri del centro commerciale saranno investiti nell’ambiente, con un ingente piano per la produzione di energia pulita. Nel 2009, infatti, saranno installati dei pannelli solari sugli edifici comunali, dal municipio alle scuole elementari, dal palazzetto dello sport alla biblioteca. Il costo totale è di 800.000 euro e permetterà a tali strutture di prodursi l’energia da sé, sfruttando il sole, tagliando quindi la bolletta della corrente. Inoltre, tutta l’energia prodotta in eccesso sarà acquistata da Enel, che la pagherà al nostro Comune. Con il tempo, quindi, gli 800.000 euro saranno via via recuperati. Per quanto riguarda le scuole medie non bisognerà aspettare il 2009, perché per loro c’è già stato un investimento a sé, del valore di 150.000 euro. Le autorizzazioni sono arrivate in questi giorni, e il loro tetto ospiterà i pannelli solari entro la prossima primavera. La spesa di 150.000 euro dovrebbe essere recuperata nel giro di un decennio: ogni anno si risparmieranno 4.000 euro di bolletta, e si produrranno circa 11.000 euro di energia extra, acquistata da Enel. I vantaggi, ovviamente, non stanno solo nel recupero dell’investimento, ma si tratta di un segnale in difesa del nostro pianeta.

SONDAGGIO

E’ utile investire 950.000 euro in pannelli solari? Sì: 79% No: 21%

Annunci

Azioni

Information

42 responses

26 11 2007
Anonimo

grandissima scelta…super favorevole!!!!

26 11 2007
killer

Insufficiente ma apprezzabile tentativo di giustificarsi di fronte all’opinione pubblica e ipotecare l’approvazione verso il centro commerciale.
Qualcuno da questo blog aveva già lanciato la proposta (“Lo sport: una partita da 100 mila euro”, intervento del 20 Febbraio 2007 – 11:32), ma mi dispiace molto che passi il concetto per il quale per investire nel fotovoltaico sia necessario un centro commerciale: evidentemente si tratta di una forzatura.

Comunque, Ivan, non è il caso di”tenere su i pantaloni” al sindaco.
Locatelli guida un’amministrazione dai comportamenti schizofrenici: prima si rimangia le promesse elettorali ampliando le cave, poi acconsente ad una serie di iniziative di cementificazione e di aumento della circolazione stradale (leggasi centro commerciale a ridosso del paese), poi si butta in segnali “in difesa del nostro pianeta”… Ma va là! Per conto mio sia le amministrazioni pubbliche che gli imprenditori dovrebbero essere obbligati a produrre energia alternativa (fotovoltaico, termico, geotermico, eolico, ecc…) sfruttando i milioni di metri quadri che stanno sopra i tetti di scuole, tribunali, caserme, edifici pubblici e sportivi, capannoni, ecc.

Passando ai contenuti della notizia, mi piacerebbe che si entrasse nel dettaglio: mi risulta vero che l’Enel acquista l’energia prodotta dall’impianto, ma non paga l’eccedenza, bensì la decurta dalle bollette degli anni successivi (fino al terzo anno dalla produzione, dopodichè il credito non fruito decade). Il vero vantaggio consiste nell’incentivo ventennale che GSE garantisce, retribuendo 0,445 euro al KWh (questo almeno per gli impianti fino a 20 KWh annui).

Come verrà scelta l’impresa cui affidare la progettazione/installazione (si tratta evidentemente di un banchetto appetitoso)? Forse durante uno dei famigerati incontri all’alba?

26 11 2007
Daniele

l’idea è buona sulla carta. vediamo come si evolve e si concretizza. l’importante credo sia fare un buon lavoro per il futuro di tutti e non per il guadagno di pochi.

26 11 2007
Anonimo

qui mi pare che non si tenga su niente, anzi questo sito mi pare sia proprio il contrario…quindi, killer, se parli a vanvera lascia perdere….io credo che l’idea sia molto buono, e si stanno trovando delle ottime idee per aumentare i servizi e la tecnologia nel nostro paese..anche perchè, cmq, qualcuno come killer avrebbe da ridire su qualunque cosa…comq sta facendo in tutti i blog proposti…

26 11 2007
andrea

se si voleva dare “un segnale in difesa del nostro pianeta” allora si diceva no al centro commerciale, il tempio del consumismo e dell’inquinamento gratuito, o perlomeno non lo si faceva costruire fuori dalla porta di casa, dove già c’è il meraviglioso silos della coprem. detto questo, ovviamente non si può non essere favorevoli a un investimento nell’energia solare. comunque noto anch’io che questo blog, qualche volta, si lancia in megaspot a favore dell’amministrazione. spero non prenda questa piega….

26 11 2007
Anonimo

io vedo che non si lancia in favore ma contro spesso e volentieri…anche perchè le notizia sono informative (quindi nulla a favore o contro), sono i commenti che son per la maggior parte contro l’amministrazione…credo che un investimento per l’energia sia utilissimo e son molto favorevole ai pannelli solari…

26 11 2007
BY

Anonimo….a tanti che scrivono in questo sito non andrà mai bene nulla (addirittura criticano il sito!!!!). L’unico motivo per cui scrivono e’ per criticare l’amministrazione attuale. Non son nemmeno capaci di ammettere : “si e’ una buona idea”….

26 11 2007
Mauri

Come ho detto a proposito dell’ospizio, sarebbe una buona idea, ma siccome nasce come regalino o contentino in vista del centro commerciale, non mi piace per principio.
By: un’amministrazione che prende l’iniziativa di ampliare le cave e organizza quatta quatta un bel centro commerciale non penso si debba aspettare gli osanna della gente. Ognuno raccoglie quello che ha seminato.

26 11 2007
Anonimo

io credo che ognuno può avere la sua opinione…ma credo anche che tanti dicono la loro solo criticando, ogni cosa nn va bene…non la credo possibile questa cosa. anzi son sicuro che le critche vengano fatte in questo modo: cioè una cosa fatta da un’amministrazione e in generale da qualche altra persona non va mai bene.

26 11 2007
killer

Sottolineo che per me qualsiasi iniziativa di ricorso a fonti di energia rinnovabile è sempre un’ottima idea; non solo vorrei più incentivi ma, lo ribadisco, anche obblighi a farlo.
Quindi non mi costa nulla ammettere “si e’ una buona idea”.
Il problema sta nel fatto che non è un atto di coscienza verso il bene comune, ma un atto di coscienza sporca.

Infine, gentile Anonimo delle 10.18: il ruolo di un blog è proprio quello di dire, ridire, lasciar dire e lasciar ridire – anche e soprattutto se ciò dà fastidio ai soliti noti.

26 11 2007
mara

ma se piove cosa succede?

26 11 2007
Anonimo

assolutamente daccordo killer, però dici che è una buona idea, poi parli di coscienza sporca…io qui non son daccordo…e non capisco il tuo pensiero…io non la vedo cosi e vedo che questi commenti son appunto perchè li fanno altra gente e ci si vede solo nel marcio in giro, ma non è cosi

26 11 2007
BY

Facciamo l’esempio della scuola media…Se piove o c’e’ una giornata nuvolosa e la richiesta di energia della scuola media e’ maggiore di quella che l’impianto fotovoltaico riesce a produrre automaticamente l’energia mancante viene data dalla rete Enel. In una bella giornata di sole se l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico e’ maggiore di quella richiesta dalla scuola media, sempre automaticamente l’energia in eccesso viene immessa nella rete Enel. Per il discorso fiscale confermo quanto già scritto da killer.

26 11 2007
killer

Tecnicamente non mi sembra funzioni così, ma potrei sbagliare: se non ricordo male la scuola acquista sempre energia da Enel e vende sempre energia a Enel. Non è che se oggi piove allora compro corrente e se domani c’è il sole non ne compro. A fine anno si tirano le somme: corrente prodotta – corrente acquistata = eventuale differenziale a credito da scontare, ripeto, sulle bollette dei tre anni successivi. Ma se non riesci a fruire di questo credito entro il terzo anno, allora è perso. Motivo per il quale l’impianto è conveniente se è progettato in modo tale da bilanciare pressochè perfettamente il tuo fabbisogno di corrente.
Per quanto riguarda l’incentivo di GSE (che scade, lo ricordo, il 31/12/2007 e del cui rinnovo non c’è per il momento traccia nella Finanziaria 2008), invece, non rileva il confronto tra energia acquistata e prodotta: l’ente paga comunque 0,445 euro al KWh per vent’anni con bonifici ogni due mesi.
Questa forma di incentivo è assolutamente conveniente per gli utenti e poco conveniente per GSE (cioè lo Stato): vi siete mai chiesti infatti perchè nessuno ne parla? Avete mai visto un telegiornale, un quotidiano, un programma qualsiasi trattare di questo incentivo? Evidentemente è talmente svantaggioso per lo Stato che si è cercato in ogni modo di insabbiarlo…

26 11 2007
Anonimo

In una recente trasmisione ,se non ricordo male “reporter”,si è parlato delle autorizzazioni che servono per far partire L’impianto e immettere energia nella rete elettrica le quali tardano ad arrivare (in alcuni casi si parla di 2anni) visto che è la stessa società che le rilascia.

Spero che questo investimento entri in funzione e non resti uno sperpero di denaro.

ciaoo jonny

26 11 2007
andrea

killer, quindi l’investimento di 950 mila euro rischia di essere inutilmente troppo grosso? da quello che ho capito, l’enel spinge affinchè i comuni facciano l’investimento più grosso possibile, perchè tutta l’energia prodotta in più se la pappa lei. esempio: al comune ogni giorno serve 100 di energia. se nei giorni di sole ne produce 500 e nei giorni di pioggia 0, rischia di arrivare a fine anno con 10.000 tot di energia prodotta in più, versata a enel, ottenendo in cambio un credito di energia, non soldi. un credito che non utilizzerà mai, a meno che ci sia un anno con 10 mesi consecutivi di pioggia. questo se l’investimento si rivela troppo grosso. spero che il comune abbia fatto i conti giusti.

27 11 2007
Anonimo

I SOLITI INCOMPETENTI CHE SCRIVONO PRIMA D’INFORMARSI..

27 11 2007
manzonipi

Effettivamente mi sembra che si spari a raffica senza conoscere l’argomento. Per chi volesse comprendere meglio come funziona la cosa può andare su diversi siti, per esempio il portale del sole http://www.ilportaledelsole.it oppure su quello di enelsi http://www.enel.it/enelsi dove si può fare una simulazione e ottenere un prospetto riassuntivo dell’investimento e del ricavo (uno sportello enelsi è presente a Calusco). Inoltre Agenda21 dell’Isola (www.a21isoladalminezingonia.bg.it) ha aperto un punto informativo a Dalmine dopo aver svolto una fiera per la sostenibilità domenica 18 novembre, con la presenza di numerose ditte di pannelli solari. Non sono a conoscenza di difficoltà per quanto riguarda autorizzazioni. A Solza abbiamo installato anni fa dei pannelli solari sugli spogliatoi del centro sportivo senza difficoltà di sorta.

27 11 2007
BY

Killer….il comune acquista sempre energia da Enel….ma solo quando l’impianto fotovoltaico non e’ in grado di coprire la richiesta energetica dell’utente.
Per quanto riguarda l’incentivo del GSE, non centra assolutamente nulla la finanziaria. E’ tutto regolamentato dal D. M. del 19 Febbraio 2007, allego la parte relativa all’incentivo :
“Il totale di impianti finanziati con il nuovo decreto è di 1.200 MW, ed il relativo conteggio verrà tenuto dal GSE includendo soltanto gli impianti effettivamente entrati in funzione. Se consideriamo che in Italia sono stati installati c.a. 30 MW in totale negli anni precedenti, si deduce che occorrerà un certo tempo per raggiungere installazioni totali per 1.200 MW. Inoltre, al raggiungimento dei 1.200 MW di impianti in funzione, il decreto prevede che ci siano 14 mesi di tempo per installare ulteriori impianti.”

Vedi che quindi la nuova finanziaria non rientra assolutamente in questo decreto.

27 11 2007
Pippo Baudo

Oh ma se vado al gigante e gli chiedo un bel finanziamento per farmi la piscina in casa?

27 11 2007
by

X killer, faccio una precisazione….per l’energia e’ come dici tu….l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico viene immessa totalmente nella rete Enel. Io utente compro l’energia necessaria interamente da Enel. Il conteggio di energia immessa e prelevata si fa leggendo i 2 contatori.
Io ero convinto che fosse gestito tutto diversamente…l’assurdo e’ che se ci fosse un black-out di Enel io a casa mia sono senza corrente anche se sul tetto ho un impianto pagato tantissimo che mi produve energia.Davvero assurdo.

27 11 2007
Anonimo

pippo, se sei in gamba magari ce la fai…ma ne dubito!!!

27 11 2007
Bruno di Madone

A me il meccanismo del “CONTO ENERGIA”, cioè del contratto con Enel che, sostanzialmente, sconta dalla normale bolletta tutta l’energia prodotta e non permette invece un accumulo di credito al privato per l’energia prodotta in surplus, mi sembra giusto. Lo spirito di queste agevolazioni non è quello di trasformare i privati in piccoli (o medi) produttori di energia, ma è quello appunto di spostare progressivamente l’energia consumata da una produzione tradizionale ad una produzione ecologica. Per questo motivo risulta conveniente dimensionare il proprio impianto il più possibile sulla base dei propri effettivi consumi.
Bruno di Madone

27 11 2007
killer

Ringrazio Manzonipi che ha citato alcune fonti che sostengono le mie tesi. Per esempio a pag. 12 della guida “Il nuovo conto energia”, scaricabile dal sito http://www.ilportaledelsole.it è illustrata la disciplina dello scambio sul posto ed il concetto di net metering, ossia il saldo annuale tra energia immessa in rete e quella prelevata dalla rete (stiamo sempre ovviamente parlando di impianti inferiori ai 20 Kw, soglia oltre la quale si diventa “produttori” ed entra in gioco una normativa diversa).

Per quanto riguarda la normativa è vero, come dice BY, che l’incentivazione al fotovoltaico nasce per decreto (http://www.conto-energia-online.it/decreto_conto_febbraio_2007.pdf), ma dato l’avvicinarsi della scadenza per le domande, mi aspettavo che se ne accennasse in Finanziaria.
Il fatto che la cosa sia passata in secondo piano dimostra le reali intenzioni del/i governo/i in merito alle politiche di ricorso alle fonti di energia alternative…

27 11 2007
Pippo Baudo

Tecnicamente non so nulla, quindi non tento nemmeno.

Ricapitoliamo quanto sta facendo il Gigante per zittirci:
a) Pannelli solari
b) Ospizio
c) Teatro all’aperto & Giardini

Altro? Rotonde, piste ciclabili?

Sembra veramente l’atteggiamento della mafia.

27 11 2007
Anonimo

allora non conosci la mafia….io son favorevole a questi investimenti da parte del gigante….

27 11 2007
Mauri

Ha ragione Pippo: ma se il comune non avesse detto sì al centro commerciale, nel prossimo programma elettorale cosa ci metteva? Verniciatura dei cancelli delle scuole, taglio dell’erba nei giardini pubblici, svuotamento dei cestini. Invece così ha l’ospizio, i pannelli solari, i campi da tennis e l’anfiteatro, praticamente si cucca i giovani, i vecchi e gli ambientalisti. Ecco perchè continuo a ripetere che questi regalini non mi piacciono…. Per una volta sarei d’accordo con Celentano.

27 11 2007
27 11 2007
Anonimo

ma voi x caso siete stati gia sulla luna?
……..no perchè, di questo passo e con questo ritmo forse non siete adatti x vivere in un paesino di 5000 abitanti,,
……………vi conviene bussare alla porta della NASA..

28 11 2007
Pippo Baudo

Spiega il concetto meglio signor “Anonimo ultimo” che non capisco.

Per “Anonimo penultimo” (marò ma che vi costa firmarmi pincopallino).

La mafia opera in questo modo se tu non lo sapessi. Si compra i voti dei cittadini con finte opere di bene per la comunità, e se non ci riesce aspetta i votanti fuori dai seggi invitandoli a presentare una fotografia del loro voto.
Così è successo in molte circoscrizioni a Palermo alle ultime comunali ad esempio.
Noi vi portiamo lo smog, il traffico, un inutile centro commerciale dove gettare nell’immondizia quei pochi soldi che abbiamo, però vi portiamo anche dei bellissimi pannelli solari, così state zitti e non ci rompete le scatole mentre noi peggioriamo il vostro tenore di vita. In tanti anni non avevo mai visto il gigante regalare soldi per attività in paese. Chiedete in giro e avrete da tutti la stessa risposta. Non ha mai finanziato nulla.

p.s. Il voto che dovevano dare ovviamente era per il rappresentate di Forza Italia, ma questo lo sapevate già.

28 11 2007
Loop

io non son daccordo con pippo baudo…e son favorevole a migliorare il nostro paese (e questi secondo me son dei grossi miglioramenti, dai pannelli al centro commerciale)…

28 11 2007
-

Il gigante ha sovvenzionato più volte iniziative oratoriali (tra le quali spicca il tiresta), non si può dire del gigante che non abbia mai aiutato il paese, e non solo con gli oratori

28 11 2007
andrea

questa pontificazione del gigante mi fa ridere. hai presente che caspita di business multimilionario gira intorno a un supermercato e a un centro commerciale? e noi stiamo qui a guardare se ha dato mille euro al tiresta? in qualche modo si deve sdebitare visto che il nostro comune ha fatto e continua a fare tantissimo per il gigante. considera che il gigante, prima di chiedere l’autorizzazione al comune per il centro commerciale, ha comprato tutti i terreni che gli servivano nell’area industriale. secondo te faceva un investimento del genere senza avere la certezza che il comune gli avesse detto di sì?

29 11 2007
Pippo Baudo

e allora tenetevi sto centro commerciale.

Chiederò a Ivan dopo un anno dall’apertura, la situazione del traffico, dello smogo e delle persone assunte residenti in Bottanuco. I benefici portati dall’anfiteatro all’aperto, dall’ospizio e dai pannelli solari.

Poi faremo due risate.

29 11 2007
Loop

Con tutto questo smog magari moriremo prima…e col casino che ci sarà…mamma mia…smettiamola di creare problemi tanto per crearli…

29 11 2007
Anonimo

O dio mio siamo arrivati alla mafia…non ci credo…o meglio non voglio crederci…certo che vi aggrappate a tutto. Il gigante voleva aumentare la sua dimensione? bene e il comune ne apporfitta.. e fa bene. Sarebbero degli incompetenti a non sfruttarlo. Ci permette di migliorare ( almeno spero) e di sistemare tutto cio di cui finora ci siamo lamentati ( vedi rotonde strade ecc.) percio smettiamola di rovinarci l’esistenza.
Giovane cittadino

29 11 2007
Anonimo

Obblighiamo il nuovo gigante a mettersi anch’esso dei panneli solari.
Bottanuchese

29 11 2007
Claudio T.

Non faccio in tempo ad essere operato e riabilitato che il comune ci inonda di pannelli solari. Beh, per la gioia di alcuni e per la tristezza di altri sono tornato.

In linea di massima sono daccordo sul Gigante unicamente per gli introiti, poi pensare che non lo facciano o che si oppongano è utopistico (vorrei vedere quale amministrazione comunale avrebbe il coraggio di dire “no”), troppi interessi in ballo; alcuni penseranno “tanto centro commerciale in più o in meno, o più grande o meno grande..”, certo, complimenti a questi che la pensano così, vedremo gli effetti del Gigante su questo paese tra qualche anno:

– SMOG (se qualcuno pensa “tanto c’è n’è già tanto”, lo invito a farsi iniezioni di co2 direttamente in corpo, tanto morire per inquinamento qualche tempo prima, che cambia?); il problema però non sussiste in realtà, perché arriveranno sicuramente le macchine ad idrogeno, ed il nostro comune sarà il primo ad averle! (…)

– TRAFFICO: il traffico non si elimina, neanche con autostrade a 10 corsie per senso di marcia, al limite il traffico si sposta o se ne rallenta la formazione (vedi quarta corsia sull’A4, ora è molto più veloce, ma quando arrivi alla barriera di Milano Est ti fai 20 minuti di coda spesso e volentieri)

– PARCHEGGIO: puoi avere tutti i parcheggi che vuoi, ma è risaputo che la gente parcheggia ovunque.. e il paese ne soffrirà sicuramente (a meno di un piano di viabilità decente)

– I PEDONI: li faremo passare sopra o sotto il provinciale? Se passano SUL provinciale verranno unicamente tirati sotto, se passano sotto è l’idea migliore perché è meno faticosa per persone anziane, se passano sopra costringeremo parecchie persone a farsi rampe di scale, tanto chi le dovrà fare non sarà certamente chi ha dato il permesso di costruzione del centro commerciale; tutto ciò ammesso che facciano qualcosa, perché se faranno due strisce pedonali, mi immagino già le persone anziane o le mamme coi figli che attraversano il provinciale per andare a far la spesa.. grandi! In sostanza, senza scale o sottopassaggi, l’unica cosa che otterranno i pedoni, è di essere stirati prima di arrivare alla lavanderia.

– IL PAESE: dunque, credo i negozi del paese non chiuderanno per colpa dell’ingrandimento del gigante, a meno che il gigante non apra gli stessi negozi al suo interno, ad esempio: ferramenta in paese, ferramenta al nuovo centro commerciale, è quasi matematico che la seconda avrà prezzi più bassi, e quindi si prenderà la sua bella clientela; coi bar non c’è questo problema, abbiamo 1 bar ogni 450 abitanti; se invece, i negozi di paese non verranno replicati all’interno del nuovo centro, se chiuderanno, sarà per cause non collegate all’apertura del nuovo centro

Quindi.. se fosse solo per i soldi, benvenuto nuovo megacentro, però mi sembra che qui si pensi solo a quanti soldi entreranno senza piani di traffico e viabilità, bah!

ENERGIE RINNOVABILI: concordo con Killer e gli altri, ogni corsa alla energie rinnovabili è da appoggiare, l’idea è valida e buona; facevo una riflessione su due edifici, la scuola media e la biblioteca comunale, mettere dei pannelli sopra questi tetti significa inibirne (o renderne comunque difficoltoso) l’ingrandimento come “aumento di piani”, se Bottanuco si ingrandisce (e questa pare essere la strada che questa giunta vuole seguire) e non dovessero bastare le aule facciamo una nuova scuola? li mandiamo nei paesi vicini? Dai.. sfornate qualche nuova idea!

La giunta comunale ha mai messo piede in biblioteca? se provi a togliere un libro ne escono 10, ammesso che riesci a togliere un libro perché non essendoci spazio (non c’è un buco per metterci un foglio quasi) c’è poco da ridere quando devi prendere un libro, sono così compressi che probabilmente i libri diventano più piccoli a stare negli scaffali (…), facendo un conto casuale, immagino che la nostra biblioteca acquisti almeno 100 libri l’anno, 100 libri per una larghezza media di 1,25cm, abbiamo circa 1,25mt di libri nuovi all’anno, o smettiamo di comprare libri o ripensiamo ad una nuova biblioteca (oppure mettono gli scaffali all’esterno, o magari.. SOTTO la biblioteca?); qualcuno in giunta dovrebbe capire che prima delle scuole è la biblioteca la porta di accesso alla Cultura di un paese, perché le scuole sono per chi ha meno di 18 anni, l’accesso alla biblioteca ed il diritto alla lettura, è per tutti.

CAVE: che centrano le cave? invece di fare anfiteatri ed altre cose relativamente superflue per il paese, forse non è forse il caso di fare un progetto di recupero cave? o il nostro comune sarà cosi bravo da.. riempirle d’acqua? o magari di terra? (ovviamente non adatta alla piantumazione!); che ci faremo con ‘sti buchi? (e qui.. ogni riflessione.. è propria..)

Sono tornato.. e lascio anche un messaggio a chi critica noi persone che scriviamo e parliamo del nostro comune (e ne parliamo perché ci teniamo sottolineo) dicendo che dovremmo partecipare ai consigli comunali: cosa serve andare ed ascoltare per due ora cosa fa la giunta/consiglio comunale quando non c’è possibilità di replicare o chiedere? Il giorno in cui la giunta permetterà (come in altri comuni) ai partecipanti di porre domande durante il consiglio comunale, allora verrò e scommetto che saranno molti di più i partecipanti.

Tanti saluti!

29 11 2007
Loop

claudio t ma sei tornato a fare?
comunque gigante: i pedoni passeranno sotto
cave:per quanto riguarda le cave c’è il recupero di tutto il terreno a dispozione del paese e verrà recuperato come da accordi…

29 11 2007
Pippo Baudo

Giovane cittadino. Ho solo paragonato l’atteggiamento del gigante a quello di chi vuole corrompere la gente per far si che non rompa troppo le scatole. Fare passare in secondo piano il centro commerciale e invece mettere in risalto tutti i regalini che farà il gigante al paese mi sembra sia la prova di quello che dico.

Poi vabbè, tanto lo faranno lo stesso. Mi sono messo il cuore in pace da tempo. Poi sarò felice di sbagliarmi e vedere che non è aumentato il traffico, che al centro commerciale lavoreranno allegramente come commessi/e molti/e cinquantenni/e del paese (questa ce la voglio vedere a tutti i costi), che il gigante non farà pagare l’affitto ai proprietari dei negozi che Claudio vorrebbe vedere trasferiti nel centro.

Lo scopriremo solo vivendo… e buon Big Mac a tutti quanti.

29 11 2007
Claudio T.

Io non voglio vederli trasferiti nel centro, se mi sono spiegato male chiarisco in questa sera ed ora, faccio degli esempi col ferramenta (classico negozio da centro commerciale):

– al ferramenta pippo viene offerta la possibilità di trasferirsi dal paese al centro commerciale, il ferramenta accetta, tanto di guadagnato per lui e tanto di perso per la vita di paese (che sempre più diventa un dormitorio)
– al ferramenta pippo viene offerta la possibilità di trasferirsi dal paese al centro commerciale, il ferramenta rifiuta e la cosa finisce qui; se in futuro il ferramenta dovesse chiudere è per problemi suoi non per il centro commerciale
– al ferramenta pippo viene offerta la possibilità di trasferirsi dal paese al centro commerciale, il ferramenta rifiuta, il centrocommerciale chiama un’altra ferramenta, a quel punto la ferramenta in paese, probabilmente avrà problemi, problemi di cui la colpa sarà per il 20% della ferramenta in paese (che deve fare affari, e per fare affari è tanto di guadagnato andare in un centro commerciale), l’80% è del comune che non ha vincolato il centro commerciale per quanto concerne i negozi all’interno, fatto che puoi ignorare se sei in grosse realtà ma che in realtà di paese come quella di Bottanuco non puoi permetterti di far finta di nulla.

Ma si sa, i soldi fanno la felicità :=)

29 11 2007
Pippo Baudo

teniamo l’esempio del ferramenta.

Tu hai una buon attività avviata, con un negozio di tua proprietà, ti trasferiresti di cento metri pagando 25mila euro di affitto all’anno per 30 metri quadrato di negozio?

Ti apre a 100 metri di distanza un Leroy Merlin che vende le tue stesse cose al 30% in meno (perchè quando fa gli ordini può permettersi di ordinare stock da 10.000 pezzi l’uno mentre tu al massimo 5 pezzi) ne saresti felice? Pensi che si tratti di concorrenza leale?

O tutti pensate chissenefrega, chiudi il tuo bel negozio e vai a lavorare al Leroy Merlin come lavoratore dipendente a 800 euro al mese? Rinuncia alla tua attività trentennale e torna a laurà barbùn!

La stessa logica la puoi usare con tutte le attività, di qualsiasi tipo. Anche perchè ormai nei centri commerciali trovi sempre ed esclusivamente gli stessi negozi, Mediaworld, Intimissimi, Zara, H&M, GameStop ecc. ecc.

Ecco ora riproduci l’effetto subito dal ferramenta su tutti i negozi della zona.

E poi fatemi ridere, pensate che freghi qualcosa al gigante dell’attività del ferramenta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: