7 nuovi bar a Bottanuco, 0 a Cerro

19 11 2006

Nel nostro paese sono presenti 12 bar pubblici, 2 bar oratoriali e 2 ristoranti. Il comune ha messo a disposizione altre 6 licenze per la somministrazione di alimenti e bevande, sulla base di tre considerazioni: l’aumento demografico (si stima che entro tre anni cresceremo di altri 100 abitanti e quindi occorre ampliare i servizi), la produttività del settore (ogni cittadino spende mensilmente 68,62 euro in questi locali, di cui 10,67 nei bar e 57,95 in ristoranti e mense, per cui, con la crescita demografica, c’è più reddito da spartire tra i commercianti) e l’assenza a Bottanuco di un indotto turistico, ovvero non ci sono persone esterne che frequentano il paese (sennò sarebbero state rilasciate più licenze). I potenziali locali potranno essere aperti in zone specifiche. Uno nel centro storico del paese (attorno a via Madonnina, in foto) e dovrà essere un ristorante o trattoria specializzata in cucina tipica lombarda, quindi niente kebab o piatti orientali. Uno nella zona residenziale, ovvero il territorio restante escluso Cerro, dove invece non è stata rilasciata alcuna nuova licenza. Due nella zona industriale, quindi o sul provinciale (dove già si trovano due bar) o tra le aziende, e due nell’area cosiddetta «dei servizi d’uso pubblico», quindi nei pressi del palazzetto dello sport, che nel progetto di ampliamento prevede proprio un nuovo bar. A richiesta, infine, c’è la possibilità di una settima licenza: il distributore di benzina sul provinciale può offrire un servizio bar, ma questo deve seguire gli orari del distributore, quindi chiudere quando i benzinai se ne vanno. Voltando pagina, un’altra novità riguarda il cimitero. Secondo una legge regionale, tutti i comuni devono creare un «Parco delle rimembranze», ovvero un’area di 1000 metri con erba, piante e panchine dove sia possibile spargere le ceneri dei defunti. Per quanto riguarda Bottanuco, la zona è già stata individuata ed è adiacente al cimitero.

Annunci

Azioni

Information

One response

23 04 2007
I 24 commenti lasciati sul vecchio sito

wow
altri locali dove affogare la misera esistenza dei bottanuchesi…
Se ne sentiva davvero la mancanza!

utente anonimo

#2 20 Novembre 2006 – 11:13

Ecco, mi pare che in questo blog lo si sia sottolineato più di una volta.
A Bottanuco ci sono troppi bar e sono tutti di qualità infima, popolati poco alla volta dagli ubriaconi o ragazzi dell’aperitivo, quelli che per un’arachide alle 18.00 si scannano come i suini quando arriva il loro pranzo. Sarà contento il proprietario dell’Happy Drink…

7 nuovi bar è davvero un’assudità al di fuori di ogni logica.. speriamo quantomeno nella decenza del ristorante visto che a Bottanuco da quando son nato non ho mai visto un ristorante/pizzeria sufficiente.

Pour parler: il miglior ristorante della zona è a terno d’isola, l’osteria della cuccagna. 40 euro senza vini.

Pippo Baudo.

utente anonimo

#3 20 Novembre 2006 – 11:39

ciaooo

.al comune prima di assegnare licenze faccia rispettare gli orari ai bar, mi è capitato piu di una sera quest’estate ke sui sette solo uno era aperto…….

x via madonnina siete in ritardo i negozi hanno gia chiuso da anni x mancanza di parcheggi e la ristrotturazione di nuove case non consente nuovi parcheggi invece allargare le strade………ke è gia succeso che arrivino i pompieri e non passano col camion…

un saluto JONNY
utente anonimo

#4 20 Novembre 2006 – 12:04

Concordo con Pippo: ottima anche la cantina. Per non parlare del tavolo dei formaggi!

Tornando alla questione, mi pare che gli unici esercizi che a Bottanuco resistono siano appunto i bar.

Si pensi a quanti negozi sono chiusi dall’avvento del Gigante: senza nulla togliere al Gigante, non possiamo chiudere gli occhi di fronte al fatto che la grande distribuzione uccide quella piccola…

Andiamo a vedere alcuni settori:
– alimentari: ricordo almeno quattro botteghe chiuse negli ultimi vent’anni, oltre a ben due macellerie;
– abbigliamento: almeno tre negozi chiusi;
– intrattenimento: c’era una videoteca, una volta…

Da qualche tempo si ventila la possibilita’ di creare un centro commerciale all’incrocio sul provinciale: ci guadagneremmo una rotatoria, un maxiparcheggio, forse un sottopasso e sicuramente parecchi introiti per oneri di urbanizzazione.

L’Amministrazione, che conosce benissimo i propri polli, ecco che tira fuori dal cappello altri sette bar.

Ci manca un McDonald e il gioco e’ fatto! Avanti cosi’!

Bye

utente anonimo

#5 20 Novembre 2006 – 13:45

Non penso che troveranno sei coraggiosi pronti ad aprire un bar, tantomeno un ristorante di cucina lombarda in via madonnina. forse l’unico è il gestore del distributore di benzina, farà come quello di capriate, un On the road. Se davvero si apriranno nuovi bar qualcuno sarà costretto a lasciarci le penne. Mauri
utente anonimo

#6 20 Novembre 2006 – 14:25

Aumentiamo di 100 abitanti in tre anni e mettiamo a disposizione 7 licenze?

100/7= 1 bar ogni 14 persone..

sono scioccato.. da quando i bar sarebbero servizi poi?? Io come servizio voglio l’autobus che mi porti al lavoro o a prendere il treno a calusco!!!!!!

utente anonimo

#7 20 Novembre 2006 – 19:26

non capisco tra l’altro il senso della trattoria tipica lombarda, a me piace anche la cucina estera, indiana, mediorientale, e pure il kebab, mi sa che li avrei apprezzati di piu’ visto che nei dintorni non esiste nulla del genere, a parte il cinese.
utente anonimo

#8 21 Novembre 2006 – 08:32

c’e’ una fantastica kebabberia a terno d’isola.
meglio una tranquilla trattoria/osteria come quelle di una volta…
utente anonimo

#9 21 Novembre 2006 – 13:32

19 bar è una cifra pazzesca. già 12 faccio fatica a contarli. comunque secondo me ce ne vorrebbe uno in piazza a cerro, strano che lì non diano la licenza. andrea
utente anonimo

#10 21 Novembre 2006 – 14:30

Guarda Andrea che in piazza a Cerro il bar c’e’: “Il piccolo Barman”.

A dieci metri c’e’ anche il “Carleto”.

A cinquanta metri c’e’ il bar dell’oratorio….
utente anonimo

#11 21 Novembre 2006 – 15:54

ma il piccolo barman non è chiuso da tempo? è lì che intendo… andrea
utente anonimo

#12 21 Novembre 2006 – 20:36

non credo che qualcuno vorrà aprire un altro bar a bottanuco. siamo a posto per tutti i generi di clienti: donne, giovani, ubriaconi, ragazzini. poi presto riaprirà il bar dell’oratorio di bottanuco e ci sarà l’assalto. ciao, Mara
utente anonimo

#13 22 Novembre 2006 – 23:24

E CERTO, LORO LE LICENZE LE DANNO, POI SE QUALCHE COMMERCIANTE ARRIVA ALLA CANNA DEL GAS SONO CAXXI AMARI SUOI. MI SEMBRA CHE DARE 7 LICENZE PER 150 ABITANTI SIA RIDICOLO. E’ RIDICOLO ANCHE DIRE CHE AUMENTEREMO SOLO DI 150 ABITANTI VISTO CHE SI PARLA DI CONDOMINI CHE TRA POCO SPUNTERANNO COME FUNGHI ANCHE NELLE AIUOLE
utente anonimo

#14 23 Novembre 2006 – 22:21

certo che la maggior parte dei genitori che vanno a prendere i bambini a scuola potrebbero pure andare a piedi invece di fare colonne di macchine.. tutti che abitano LONTANO???
utente anonimo

#15 23 Novembre 2006 – 23:15

la nostra società va in questa direzione: nessuno fa più neanche cinquanta metri a piedi. chiedere alla gente di bottanuco un comportamento antisociale perchè le medie non hanno parcheggi a sufficienza mi sembra difficile… mauri
utente anonimo

#16 24 Novembre 2006 – 08:21

cioè le scuole dovrebbero avere abbastanza parcheggi per permettere a chi di dovere di parcheggiare prender eil bambino e andar via? stiamo scherzando spero.. un conto è se uno abita lontano, ha problemi a camminare per piu di 100 metri o se viene giu il diluvio universale.. ma tutti gli altri?? cacchio ci sono i nonni in bici che vanno a prendere i nipoti.. trovo giusto chiudere l’accesso alle auto per quanto riguarda la zona scuole. Erz
utente anonimo

#17 24 Novembre 2006 – 10:32

la strada viene chiusa per evitare il viavai di macchine nel parcheggio davanti all’ingresso della scuola, dove i bambini gironzolano prima dell’apertura. sono d’accordo con la chiusura, ma se siamo arrivati a questo è perchè mai nessuno si è sognato di sistemare quel parcheggio, di pensarlo diversamente. se un giorno piove a dirotto è logico che via papa giovanni sarà intasata di macchine, e quella situazione non sarà meno pericolosa di quella attuale. un parcheggio capiente in parte a un servizio pubblico come le scuole non è un lusso per chi non vuole camminare ma è necessario. mauri
utente anonimo

#18 24 Novembre 2006 – 15:08

Ah, adesso un servizio che devono offrire le scuole sarebbero i parcheggi? Oddio cosa mi tocca sentire.

Bottanuco si estende al massimo per 1 km in larghezza, che i genitori facciano quattro passi per andare a prendere i loro figli. Altro che colonnine dell’aria, qua è inutile cercare di giustificare le colpe dei singoli con le colpe della massa.

Pagherei se anche in Bergamo vietassero ai genitori di andare a prendere i figli con le loro bella Porsche da mettere in mostra. Autobus e pedalare.

Pippo Baudo.
utente anonimo

#19 24 Novembre 2006 – 17:41

ma dove hai letto che sono le scuole a dover offrire i parcheggi? ogni servizio pubblico (come le scuole, le poste, il medico di base) deve essere affiancato da un parcheggio sufficiente perchè questo sia fruibile. il parcheggio le medie non ce l’hanno (perchè quello piccolo che hanno viene chiuso negli orari di inizio e fine lezioni), quello delle poste è ridottissimo, su quello delle elementari ce ne sarebbe da dire… vogliamo il pulmino per gli studenti anziche le macchine in fila? ok, ma il pulmino dov’è? mauri
utente anonimo

#20 25 Novembre 2006 – 21:46

il pulmino per gli studenti?!? ma stiamo diventando tutti matti? ma a scuola si va a piedi o sbaglio? neanche abitassimo in bergamo..
utente anonimo

#21 28 Novembre 2006 – 12:11

Oh mauri, se dici che alle scuole medie mancano parcheggi cosa significa forse? Che il gigante deve offrire parcheggi? Per quanto ne capisco io significa che le scuole medie secondo te dovrebbero offrire più parcheggi. E secondo me che fuori dalle scuole ci devono essere parcheggi sufficienti per i professori e basta.

Fuori dalle poste ci sono almeno 10 posti auto, quante persone vanno in posta in automobile mediamente 1000?

Insomma, non esasperiamo un problema che a Bottanuco non ha ragione di esistere come quello dei parcheggi.

La gente prima di chiedere la colonnina dell’aria esca in bicicletta o faccia quattro passi per andare in posta o a prendersi il figlio a scuola.

Pippo Baudo
utente anonimo

#22 29 Novembre 2006 – 12:46

SCUSATE MA A 10 MT DALLA MEDIE C’E’ IL PIAZZALE DEL MERCATO!!!!
NON VA BENE ? DEVE ESSERE PER FORZA DAVANTI ALLA SCUOLA? O MAGARI BISOGNEREBBE COSTRUIRLO DENTRO IL GIARDINO DELLA SCUOLA?
utente anonimo

#23 30 Novembre 2006 – 13:13

ecco, ha detto tutto l’utente 22.

Pippo.
utente anonimo

#24 02 Gennaio 2007 – 13:40

sinceramente… cosa vi cambia se c’è un parcheggio in più o uno in meno? o se i genitori vanno a prendere i propri figli a scuola in macchina?
utente anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: