La nuova tessera per la discarica

20 05 2006

Come avevamo anticipato sul nostro «Gazzettino», è stata istituita una tessera magnetica (foto) per l’accesso alla discarica comunale. La tessera riporta nome e cognome del cittadino a cui è stata rilasciata e un numero di matricola. È gratuita e può essere ritirata presso l’ufficio tecnico comunale dal lunedì al sabato dalle 9.30 alle 12.30. Ad oggi, non è ancora stata prevista una sbarra automatica (foto-montaggio) che permetta di entrare nella discarica unicamente inserendo la tessera. Tuttavia, sia l’addetto che i vigili sono autorizzati ad accertarsi che chi si reca alla discarica sia un cittadino di Bottanuco. Per questo possono chiedere di esibire o la tessera o un documento di identità. L’obiettivo è che cittadini di altri paesi non portino i propri rifiuti nella nostra discarica, ecco perché la tessera è personale e non è cedibile ad altri.

Annunci

Azioni

Information

One response

23 04 2007
I 25 commenti lasciati sul vecchio sito

io la tessera l’ho ritirata, ma praticamente al momento non serve a niente… mauri
utente anonimo

#2 22 Maggio 2006 – 10:19

il fine è lodevole, ovvero evitare che gente da fuori porti a bottanuco la propria spazzatura, però il mezzo è decisamente inefficace. non so se anche altri paesi usano questo sistema della tessera (probabile) però secondo me non può funzionare. perchè la tessera la si può passare ad amici e parenti anche di altri paesi. sarà anche personalizzata ma non è un documento di identità ovvero non c’è la foto. e comunque, se uno alla discarica manda i figli o la moglie? la tessera riporta il nome del capofamiglia quindi nessuno può dire niente. magari in realtà uno che dice “sono il figlio” potrebbe essere un nipote o un’amico di un altro paese. putroppo siamo tutti molto furbi, e la tessera, quindi, non risolve niente. andrea
utente anonimo

#3 22 Maggio 2006 – 15:28

ci sono settori in cui fare regole troppo rigide porta più svantaggi che vantaggi. ad esempio il lavoro: se le leggi sono troppo inflessibili aumenta il lavoro nero. oppure il commercio: se le norme sono troppo gravose cresce il contrabbando. un altro di questi settori è la spazzatura. se imponiamo una tessera, tutti coloro che prima portavano -abusivamente- la loro spazzatura nella nostra discarica, ora dove la porteranno? magari un 50% cambierà discarica, ma una buona percentuale deciderà di buttare la spazzatura per strada, o magari nell’Adda. in particolar modo gli extracomunitari non si farebbero problemi. questo renderà sia il nostro paese più sporco sia ci toccherà pagare gli spazzini per raccogliere la spazzatura per strada, che raddoppierà. certo, sarebbe bello che fossimo tutti onesti, ma di sicuro, quando ci sarà la sbarra, nel breve termine vedremo più spazzatura per strada. mettiamolo in conto. questo non vuol dire che secondo me non sia giusto limitare l’uso della discarica solo a noi che paghiamo le tasse, anzi è sacrosanto. però sempre meglio spazzatura abusiva nella discarica che spazzatura abusiva per strada. tra l’altro per le strade, in particolare dell’adda, di spazzatura se ne vede già molta.
Pensavoate

#4 22 Maggio 2006 – 16:29

Fatevi un giro a piedi sulla strada interna verso Suisio e state certi che troverete tanta spazzatura quanta ne volete. Mi domando: perche’ qualcuno si prende la briga di portare la spazzatura fino li’ quando gli addetti te la possono tranquillamente ritirare sotto casa nei giorni stabiliti? Senz’altro e’ un sintomo di incivilta’. Putroppo non viene mai beccato nessuno… Basterebbe una bella serie di multe esemplari. Forse.
utente anonimo

#5 22 Maggio 2006 – 17:18

sono due, a mio parere, i tipi di persone che buttano la spazzatura per strada A) i non residenti che quindi non pagano la tassa sui rifiuti, esempio zingari o extracomunitari di passaggio B) gente che non ama tenere la spazzatura in casa fino al giorno del ritiro. magari non hanno un posto all’aperto dove lasciarla o magari ce l’hanno ma il bidone in giardino gli dà fastidio.
Pensavoate

#6 22 Maggio 2006 – 22:36

Per Pensavoate, se lo svantaggio è che ci sarà più spazzatura per strada, basta aumentare i controlli. sono sempre le stesse le zone dove si trova la spazzatura. basta aumentare la sorveglianza lì e appena si becca qualcuno imporgli una sanzione da non dimenticare. mauri
utente anonimo

#7 23 Maggio 2006 – 09:19

ora manca la tessera per entrare nel nostro bagno di casa e la tessera per andare in un’altra chiesa fuori da bottanuco..e poi siamo a posto….
E basta discriminazioni cipollino
utente anonimo

#8 23 Maggio 2006 – 15:35

Mauri, non è affatto facile. se controlli una zona, vanno in un’altra. è un problema che va risolto dall’alto, non dal basso. ovvero ottimizzando l’uso delle discariche da parte dei cittadini. restringendo l’uso delle discariche a chi ha la tessera, incentiva chi non ce l’ha a buttare la spazzatura per strada. non si sa bene in che misura, però incentiva. speriamo poco.
Pensavoate

#9 23 Maggio 2006 – 21:09

FINALMENTE UN PO DI CHIAREZZA SU QUESTA COSA DELLA TESSERA. IN GIRO SE NE PARLA MA NESSUNO HA CAPITO NIENTE. COMUNQUE, UNA COSA E’ CERTA: LA TESSERA E BRUTTISSIMAAAAA! E’ PURE OFFENSIVA CON LA SCRITTA “RISPETTA IL TUO PAESE”. UN CARTELLO CON SCRITTO “RISPETTA IL PAESE” DOVREBBERO METTERLO SULLE STRADE PIENE DI SPAZZATURA E NON SULLE TESSERE DELLA POVERA GENTE CHE PAGA LA TASSA SUI RIFIUTI E ORA GLI TOCCA PAGARE LA TESSERA (SARA ANCHE GRATUITO RITIRARLA MA HA DI SICURO UN COSTO E NATURALMENTE LO PAGHIAMO ANCORA NOI!) PER POTER ANDARE ALLA DISCARICA. DA NOTARE CHE DOBBIAMO ANDARE NOI IN COMUNE A PRENDERLA! NON CI ARRIVA NEANCHE A CASA! CIAO ANTO
utente anonimo

#10 23 Maggio 2006 – 22:40

Per cipollino…
Mi sembra che la tessera sia una cosa più che buona per regolamentare l’accesso alla discarica. Non riesco a capire per quale ragione perversa debba valere l’equazione “regolamentare = discriminare”; a meno che discriminare non voglia dire dare la possibilità ai propri cittadini (e non ad altri) di smaltire i rifiuti nel proprio paese… in questo caso, ben venga la discriminazione. Silvio
utente anonimo

#11 24 Maggio 2006 – 11:58

ma oggi i pensionati sono andati in gita? gratis, ma è vero? andrea
utente anonimo

#12 24 Maggio 2006 – 20:28

Notizie fresche dal paese: non gratis, andrea, ma ad un prezzo stracciato tipo 18 euro incluso viaggio per modena, pranzo e cena. praticamente le gite delle pentole ma qui non si comprano le pentole. ci sono andati anche don giuseppe, don fabrizio e don carlo. angelo
utente anonimo

#13 24 Maggio 2006 – 23:04

la gita per gli anziani è un classico di ogni paese: non si comprano pentole ma voti. mauri
utente anonimo

#14 25 Maggio 2006 – 07:35

sono entrato x curiosità nel sito…..carino…..ma : x mauri, angelo ed andrea: ma non vi conviene cambiare aria se vi fa schifo il vostro paese? ma non vi conviene cercare di REALIZZARE qualcosa di CONCRETO se ci tenete al vostro paese? ma non vi conviene proporre invece e soltanto di criticare l’operato degli altri se ci tenete tanto al vostro paese? ……questa è l’idea che mi viene da dirvi visto da fuori…….
saluti da andrea P. – Solbiate (VA)
utente anonimo

#15 25 Maggio 2006 – 10:08

X Andrea P.
parlo per me: il mio paese non mi fa schifo. ci sono certe cose che non vanno, che sono sotto gli occhi di tutti. ma un paese perfetto non penso che esista. se uno quando non è soddisfatto degli amministratori se ne deve andare, allora oggi in italia, dopo le elezioni, 30 milioni di persone dovrebbero emigrare. e poi, come fai a sapere che chi critica (che brutta parola) non propone niente? una cosa mica esclude l’altra… e comunque ci sono persone stipendiate per proporre. quindi un minimo di aspettative possiamo pretenderle, o no? andrea
utente anonimo

#16 25 Maggio 2006 – 17:05

Ciao Andrea P, ci racconti come funziona il comune di Solbiate?
Pensavoate

#17 26 Maggio 2006 – 00:27

Andrea P, sono d’accordo con quello che ha detto l’altro Andrea, ma aggiungo: non abusiamo della parola critica. Certe volte una constatazione viene presa come critica. Se dico che un lampione è guasto secondo te faccio una critica? Certo che no, è una presa d’atto. Se dico che nel mio paese la parrocchia è l’ufficio stampa del comune faccio critica o ironia? No, è una constatazione: a Bottanuco le cose funzionano così. Se poi qualcuno vuole farci sopra un ricamino può diventare critica. Sennò è solo cronaca. Critica-cronaca: c’è una bella differenza, fai attenzione, chi finge di non vedere il confine tra i due termini lo fa in modo malizioso. angelo
utente anonimo

#18 26 Maggio 2006 – 11:19

W LA TESSERA PER LA DISCARICA
utente anonimo

#19 26 Maggio 2006 – 22:11

se siamo obbligati a mettere la tessera è perchè c’è gente furba e disonesta che porta la spazzatura nella nostra discarica. con la tessera, questa gente furba e disonesta cosa fa? diventa buona e onesta d’un colpo? certo che no, metterà a frutto la propria furbizia e la propria disonestà per cercare un’alternativa: ad esempio buttando la spazzatura per strada. allora io dico: meglio un frigorifero che viene da fuori nella nostra discarica piuttosto che un frigorifero che viene da fuori buttato in uno dei nostri campi. Sergio
utente anonimo

#20 26 Maggio 2006 – 22:15

ho dimenticato una cosa: per questa gente furba e disonesta noi adesso paghiamo una volta (ovvero lo smaltimento della loro spazzatura) con la tessera pagheremo per loro tre volte: 1) il costo della nostra tessera (perchè la mettiamo apposta per difenderci da loro, se non non ci sarebbe bisogno) 2) il costo dello stradino che va a raccogliere la spazzatura per strada che con la tessera aumenterà 3) il costo dello smaltimento della spazzatura raccolta dallo stradino. praticamente facciamo un affare. certo, la soluzione sarebbe eliminare questa gente furba e disonesta. ma bisognerebbe schierare un esercito di vigili. ce li abbiamo? Sergio
utente anonimo

#21 27 Maggio 2006 – 12:23

Evidentemente si spera che i furbi migrino verso altre discariche senza tessera, tipo Capriate. Ma in ogni caso al momento la questione non si pone: abbiamo la tessera (e l’abbiamo pagata) ma alla discarica si può entrare anche senza. Quindi anche i furbetti possono ancora entrare. Fin quando non c’è la sbarra… Mauri
utente anonimo

#22 27 Maggio 2006 – 15:27

Mi elencate le altre discariche presenti nella nostra zona di bergamo? Dove si trovano? In che paesi… Cipollino
utente anonimo

#23 27 Maggio 2006 – 16:44

QUESTA MATTINA SONO ANDATO ALA DISCARICA E LA TESSERA NON E SERVITA ALDO
utente anonimo

#24 27 Maggio 2006 – 19:59

Cipollino, penso che ogni comune abbia la propria discarica. suisio, capriate, filago, madone, trezzo… ciao Mauri
utente anonimo

#25 30 Maggio 2006 – 10:03

caro mauri..ti informo che anche a capriate c’è la tessera.
utente anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: