A buon punto i lavori dell’Oratorio

15 04 2006

Proseguono i lavori dell’oratorio di Bottanuco che si prevede sarà concluso entro la primavera del prossimo anno. La parte strutturale è quasi completa: dopo aver realizzato il tetto dell’edificio centrale (foto) si passerà infatti alla fase di finitura e di impiantistica. All’interno, l’oratorio prevede una sala multifunzione che potrà essere utilizzata come teatro, cinema, o per svolgere feste. Vi saranno poi una cucina, una stanza per il ristoro (con un forno per pizza), una serie di aule, una cappella, un ampio magazzino, le scale e un ascensore per raggiungere i piani alti. Le facciate sono in parte ricoperte da mattoni a vista e per il resto saranno intonacate; presenteranno inoltre ampi terrazzi con piante. Per quanto riguarda le tegole dei tetti, il consiglio parrocchiale sembra più incline al tipo portoghese (la più diffusa, con la forma a onda). Nella foto, sopra->la facciata che si presenta all’ingresso dell’oratorio, sotto->come sarà una volta ultimata.

Annunci

Azioni

Information

One response

23 04 2007
I 25 commenti lasciati sul vecchio sito

ma del sopralluogo telecom non si sa nulla? e della ditta del wireless?
utente anonimo

#2 16 Aprile 2006 – 20:50

Da quando fanno il sopralluogo a quando fanno preventivo eccetera passa un po’ di tempo…. Si sa, loro non hanno fretta. Comunque non pensavo che l’oratorio fosse così a buon punto. qualcuno sa come verrà gestito il cinema? ci saranno i film in uscita, oppure sarà tipo una sala per proiezioni di gruppo? Mauri
utente anonimo

#3 17 Aprile 2006 – 23:38

secondo me non riescono a stare al passo con i film in uscita. già la sala di suisio ci sta dietro a fatica. figuriamoci questa che vuole fare anche da teatro, da sala da ballo, ecc. mara
utente anonimo

#4 18 Aprile 2006 – 13:08

ma il teatro-cinema-feste è quella specie di chiesa bianca che c’è a destra? cavolo, ma il resto dell’edificio è straenorme! chi lo gestirà?
andrea
utente anonimo

#5 18 Aprile 2006 – 14:44

lo gestiranno le persone come te andrea che hanno tanto tempo disponibile…..visto che non hai neanche 10 minuti x spalare la neve……
saluti dalla 40enne.. eh eh, si fa presto a sparlare!!!
utente anonimo

#6 18 Aprile 2006 – 16:32

cosa intendi per “sparlare” cara quarantenne? chiedere chi gestirà un edificio enorme come l’oratorio in costruzione? andrea
utente anonimo

#7 19 Aprile 2006 – 00:13

penso proprio che l’oratorio verrà gestito dal comune, almeno economicamente. l’oratorio avrà pure una buona scorta di volontari, ma per gestire un edificio ci sono delle spese. più l’edificio è grosso più le spese sono pesanti. ciao
mara
utente anonimo

#8 19 Aprile 2006 – 20:57

MA SE IL COMUNE DEVE ORGANIZZARE QUALCOSA NON HA ALTRI SPAZI SE NON QUELLI DELL’ORATORIO? IN TEORIA DOVREBBE ESSERE IL CONTRARIO!
utente anonimo

#9 20 Aprile 2006 – 11:37

il comune contribuisce alla costruzione dell’oratorio. quindi avrà ben diritto di poterlo usare. però non so se si potrà parlare di comproprietà. e tra manifestazioni oratoria e comunali non so chi avrà la precendenza.
andrea
utente anonimo

#10 20 Aprile 2006 – 15:46

Io temo che il nuovo complesso finirà per esser gestito completamente dall’oratorio.

E questo sarebbe un problema veramente molto grave, perchè dopo aver speso migliaia di euro per avere finalmente un’area polifunzionale attrezzata, e lasciarla alla parrocchia sarebbe uno spreco senza ugual misura.

L’unica speranza che ho, è che il comune abbia il pugno fermo nei confronti di parrocchia e oratorio.

Ma è una speranza senza fondamento.
utente anonimo

#11 21 Aprile 2006 – 00:06

tutto dipende da quanti soldi ci ha messo il comune. se la parrocchia l’ha pagato per il 90% è difficile che il comune possa avere il pugno fermo. a meno che poi il comuen si accolli tutte le spese di gestione (pulizia, riscaldamento, ecc). in ogni caso, il comune non è che abbia chissà che da organizzare! di solito organizza tutto l’oratorio! mara
utente anonimo

#12 21 Aprile 2006 – 09:05

Come può essersi accollato la spesa per un locale di queste dimensioni la parrocchia?
Tengono i miliardi sotto il cuscino?
Forse non sarebbe il caso che gli oboli venissero spesi per aiutare il prossimo?
utente anonimo

#13 21 Aprile 2006 – 11:39

bisogna vedere che cosa intendono con “aiutare il prossimo”, in quale misura lo fanno, e con quale precedenza… andrea
utente anonimo

#14 21 Aprile 2006 – 22:12

IO sono di cerro, preferirei che il comune facesse le sue manifestazioni in un suo edificio, e non nell’oratorio di bottanuco. altrimenti potrebbe organizzarli anche nel nostro di oratorio. W CERRO
utente anonimo

#15 23 Aprile 2006 – 22:07

sinceramente tutto questo strafare da parte della parrocchia non mi piace. quando don bosco aveva pensato l’oratorio, gli bastava un cortile, non un edificio miliardario con cinema e ascensori. la chiesa, almeno a bottanuco, ha perso un po’ il senso della propria missione. non dico di stare in una catapecchia, ma di fare il necessario, come a cerro. e non mi si dica che andava ristrutturato tutto per forza perchè la chiesa ha il potere decisionale che vuole. mara
utente anonimo

#16 27 Aprile 2006 – 00:03

Ho saputo che la struttura non sarà coperta. Solita cazzata all’italiana: per risparmiare sui costi di realizzazione non si progetta il tetto, poi fra 10 anni si correrà ai ripari, spendendo il doppio (vedi scuola materna).
Bell’affare!!
Ciao ciao Lucia
utente anonimo

#17 27 Aprile 2006 – 00:06

Ho saputo che la struttura non sarà coperta. Bella cazzata all’italiana: per risparmiare inizialmente non si progetta il tetto, poi successivamente, tra 10 anni, si correrà ai ripari, spendendo il triplo.
Vedi scuola materna.
Lucia
utente anonimo

#18 08 Maggio 2006 – 21:00

MA QUANTI MILIARDI COSTA UN EDIFICIO DEL GENERE? NON RIESCO A PENSARE DOVE LA CHIESA DI BOTTANUCO ABBIA POTUTO PRENDERE TUTTI QUEI SOLDI. E MI VIENE DA RIFLETTERE SUL FATTO CHE AVREBBE POTUTO INVESTIRLI DIVERSAMENTE, MAGARI CON UN FINE MENO EGOISTICO E PIù SOLIDALE. FRANCESCO ALDE
utente anonimo

#19 04 Giugno 2006 – 00:05

Mi dispaiace dover leggere certi commenti sulla ristrutturazione dell’oratorio. Essendo cittadino di Bottanuco e membro della comunità parrochiale di San Vittore sono a conoscenza, perchè mi informo, dei lavori di ristrutturazione a riguardo del “complesso oratorio”. Mi dispiace. riscrivo, perche leggo cose false e polemiche inutile tra voi!
Il costo della ristrutturazione è certamente elevato, dovuto anche all’intervento delle belle arti, (che altrove non interviene… vedi caso stemma Colleoni, muri antichi, l’antico mulino in riva all’Adda dove e ancora esistente la sala delle macine, non essendo riusciti ad abbatterla, e posta sotto i piedi dei tanti che passeggiano in riva al fiume, la distruzione della chiesa del convento delle suore della Sacra Famiglia per recuperare nel suo spazio tre appartamenti… e ancora potrei continuare non per critica ma perche mi piace il mio paese) ma la comunità si dà anche da fare per i bebiti avendo già raccolto, ho scritto raccolto non ricevuto, e pagato meta del debito previsto a inizio lavori, e sicuramente non si accantona la solidarietà che è dovere di tutti, credente o no. Una mia indicazione per poter dire cose sensate è quella dell’informazione, i mezzi in paese ci sono basta la voglia di sapere, o meglio ancora di voler conoscere la verità… non per sentito dire. Un amico di Bottanuco
utente anonimo

#20 04 Giugno 2006 – 13:23

ci mancherebbe altro che la chiesa non continuasse a fare beneficienza! comunque la beneficienza non dipende solo da quanto uno dà, ma anche da quello che uno potrebbe dare. il cento euro dato da un ricco e da un povero ha un valore diverso. così la chiesa di bottanuco. se dà 50 mila euro ma potrebbe dare 4 miliardi, i 50 mila euro hanno un valore relativo. personalmente preferisco molto di più l’oratorio di cerro, più intimo e a misura d’uomo. un edificio come l’oratorio di bottanuco lasciatelo costruire al comune, non alla chiesa. cosa sono le altre cose di cui bisognerebbe informarsi? quanti soldi dà la chiesa ai poveri? se hai altre informazione che possono smentirmi, scrivile o dimmi a chi posso chiederle, qualcuno che però non mi prenda per pazza e mi dica “fatti gli affari tuoi”, ci ho già provato e la risposta è stata il gelo totale. la tua risposta da oracolo che custodisce la verità non mi convince… sul costruire è tutta una cosa vaga con termini da architetti, nè cifre nè spiegazioni di qualcuno che dica con quale coscienza al giorno d’oggi la chiesa spenda miliardi per costruire cinema. ciao, Mara
utente anonimo

#21 08 Giugno 2006 – 22:15

inpare a scrivere
utente anonimo

#22 12 Giugno 2006 – 00:24

il parroco in chiesa, parlando di certe chiacchiere scritte su un giornalino, ha detto che l’oratorio è costruito solo con i sacrifici della comunità: il comune non contribuisce nemmeno con un centesimo. Mauri
utente anonimo

#23 12 Giugno 2006 – 16:48

I sacrifici della comunità non meritano una destinazione eticamente migliore? Costruire un pozzo in Africa no eh? Non che sia un problema solo della Parrocchia di Bottanuco, è l’intera Chiesa che ci legittima a fare i ricchi. E la Chiesa di Bottanuco non si sottrae a questa triste tendenza. W il Mato Grosso
utente anonimo

#24 12 Giugno 2006 – 18:13

ma 22 chi ha scitoo che l’oratorio lo costruiscono con i soldi del comune?
…..Luigi P
utente anonimo

#25 12 Giugno 2006 – 19:39

non lo so, in questa pagina c’è andrea (commento numero 9) che lo dice, non so in base a quali fonti. ma non penso che il parroco si stesse riferendo al commento 9 di andrea su questo sito! avrà sentito in giro delle voci… Mauri
utente anonimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: